top of page
Cerca

ONU: Situazione dei diritti umani nella Repubblica Islamica dell'Iran 2022


Rapporto del Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran, Javaid Rehman.

Sintesi

Nel presente rapporto, il Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran espone in dettaglio le osservazioni riguardanti le tendenze, le preoccupazioni e i progressi compiuti nella protezione dei diritti umani, con particolare attenzione alla responsabilità per le violazioni dei diritti umani. Altri aspetti trattati nel rapporto sono l'imposizione della pena di morte, la privazione arbitraria della vita, la detenzione arbitraria, le restrizioni alla libertà di espressione, di associazione e di riunione pacifica, il diritto a uno standard di vita adeguato, la risposta del governo alla pandemia di coronavirus (COVID-19) e la situazione delle donne e delle minoranze.


Indice:



1. Introduzione

Il presente rapporto è presentato al Consiglio per i diritti umani in conformità alla risoluzione 46/18 del Consiglio. Nel rapporto, che contiene informazioni raccolte fino al 1° dicembre 2021, il Relatore speciale fornisce una panoramica di alcuni dei problemi più urgenti in materia di diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran ed esamina i principali ostacoli alla responsabilità per le gravi violazioni dei diritti umani. Seguono raccomandazioni al governo e alla comunità internazionale.

Il Relatore speciale desidera sottolineare ancora una volta che, nonostante le ripetute richieste, non gli è stato ancora concesso l'accesso alla Repubblica islamica dell'Iran. Ribadisce la richiesta alle autorità di consentirgli di effettuare visite nel Paese in conformità al suo mandato.

Il Relatore speciale ha avuto modo di confrontarsi con le vittime, le loro famiglie e i membri della società civile e di raccogliere informazioni, in particolare attraverso documenti e interviste. Il Relatore speciale sottolinea il suo sostegno al lavoro vitale svolto dagli attori e dalle organizzazioni della società civile, nonostante le molestie e le intimidazioni di cui sono stati oggetto. Il loro lavoro è indispensabile per il Relatore Speciale nel tentativo di adempiere al suo mandato.

L'elevato rischio di rappresaglie che individui e organizzazioni devono affrontare per essersi impegnati con i meccanismi internazionali per i diritti umani rappresenta di per sé una grave preoccupazione per i diritti umani, ma è anche un segnale preoccupante di come le autorità considerano i meccanismi internazionali per i diritti umani e gli individui che vi si impegnano. Il Relatore speciale invita il governo ad aprire lo spazio per l'impegno, in particolare con gli attori nazionali e la società civile.


A. Panoramica della situazione dei diritti umani nella Repubblica Islamica dell'Iran


A.1 Privazione arbitraria della vita

Tra il 1° gennaio e il 1° dicembre 2021, sono state giustiziate almeno 275 persone, tra cui almeno 2 minori e 10 donne, per accuse di omicidio, reati di droga, moharebeh (prendere le armi per prendere vite o proprietà o per creare paura nel pubblico), efsad-e fil-arz (diffondere la corruzione sulla terra), baghy (ribellione armata) e stupro.2 Oltre 80 delle esecuzioni, tra cui quella di una donna e di almeno quattro cittadini afghani, sono avvenute per accuse legate alla droga, rispetto alle 25 del 2020, il che rappresenta un aumento delle esecuzioni per reati legati alla droga. È stato osservato anche un aumento delle esecuzioni di persone appartenenti a comunità minoritarie, con oltre 40 Baluchi e oltre 50 curdi giustiziati tra il 1° gennaio e il 17 novembre 2021. Si è registrato anche un aumento delle esecuzioni di donne. Le donne e gli uomini che vivono in povertà rimangono sovrarappresentati nei casi di pena di morte. Il Governo ha ribadito che la pena di morte viene comminata solo per i crimini più gravi.

Il Relatore speciale ha continuato a ricevere segnalazioni coerenti sull'uso di confessioni forzate sotto tortura come prova per le condanne alla pena di morte e sulla continua mancanza di indagini sulle accuse di tortura. Come elaborato nel rapporto del Relatore speciale all'Assemblea generale, le gravi carenze del quadro giuridico e del sistema giudiziario, insieme alle violazioni sistematiche del giusto processo e dell'equità, rendono la maggior parte, se non tutte, le esecuzioni nella Repubblica islamica dell'Iran una privazione arbitraria della vita. Un caso emblematico è quello di Khezr Ghavidel, arrestato nel 2013 e condannato a morte per trasporto di droga. Il suo caso era in attesa di una decisione della Corte Suprema quando è stato giustiziato il 10 settembre 2020. Quasi un anno dopo la sua esecuzione, nel luglio 2021, la Corte Suprema ha annullato la sua condanna a morte.4 Nella sua risposta, il Governo ha respinto la nozione di privazione arbitraria della vita e tutte le accuse di violazione del giusto processo contenute nel rapporto. Ha sottolineato che il giusto processo e l'equità sono garantiti dalla legge e dalla prassi.


A.2 Esecuzioni di minori autori di reati

Dal 1° gennaio 2021 sono stati giustiziati almeno due minori autori di reati. Il 2 agosto 2021, Sajad Sanjari è stato segretamente giustiziato per aver presumibilmente ucciso un uomo quando aveva 15 anni.5 Sanjari è stato condannato a morte per la prima volta nel gennaio 2012. Ha dichiarato di aver agito per autodifesa dopo che l'uomo aveva tentato di violentarlo, affermazione che il tribunale ha respinto. Gli è stato concesso un nuovo processo in base all'articolo 91 del Codice penale, che esenta i minori di 18 anni dalla pena di morte nei casi di incertezza sul loro pieno sviluppo mentale. Nel novembre 2015, il tribunale lo ha condannato nuovamente a morte, concludendo che aveva raggiunto la "maturità" al momento del crimine, senza sottoporlo alla valutazione dell'Organizzazione di Medicina Legale e respingendo l'opinione di un consulente ufficiale del tribunale secondo cui Sanjari non aveva raggiunto la maturità al momento del crimine6. Il Governo ha negato l'accusa di esecuzione segreta, affermando che l'avvocato dell'uomo era stato "presente in tribunale, una settimana prima e al momento dell'esecuzione della Qisas" e che la valutazione dello sviluppo mentale dell'individuo da parte del tribunale iniziale era stata più accurata, rispetto a quella del nuovo processo.

Arman Abdolali è stato giustiziato il 24 novembre 2021. Abdolali è stato condannato a morte per un crimine che avrebbe commesso quando aveva meno di 18 anni, a seguito di un processo caratterizzato da molteplici violazioni dei diritti umani fondamentali, tra cui l'uso di una confessione forzata estorta sotto tortura che Abdolali ha successivamente ritrattato in tribunale. La sua accusa di tortura non è stata indagata. Nel corso di tre settimane, a partire dal

Nel corso di tre settimane, a partire dall'ottobre 2021, la sua esecuzione è stata programmata e rinviata sei volte, nonostante gli appelli dei titolari del mandato della procedura speciale e di altri meccanismi per i diritti umani a fermare l'esecuzione.8 Il Relatore speciale è allarmato per l'angoscia mentale - che equivale a tortura - causata dalla pratica di trasferire ripetutamente i minori autori di reati in isolamento in preparazione della loro esecuzione, per poi rinviare l'esecuzione all'ultimo minuto.


A.3 Uso eccessivo della forza

L'uso della forza illegale da parte della sicurezza, delle forze dell'ordine e di altri agenti statali è continuato su scala allarmante nel contesto di assemblee pacifiche, contro i corrieri di frontiera e nei luoghi di detenzione, senza successive indagini o responsabilità. L'atmosfera di impunità che circonda la privazione arbitraria della vita da parte degli agenti dello Stato è un'affermazione che non ci saranno conseguenze per questi atti illegali.

Uno degli esempi più eclatanti nel contesto delle proteste pacifiche del 2021 è stato l'uso della forza letale contro i partecipanti a una serie di proteste scoppiate a metà luglio 2021 in oltre 20 città della provincia di Khuzestan e successivamente estese ad altre aree, tra cui Isfahan, Lorestan, Azarbayjan-e Sharqi, Teheran e Karaj, che sono state definite "Rivolta degli assetati". 9 Testimonianze, fotografie e filmati mostrano un diffuso uso della forza illegale contro i manifestanti, molti dei quali appartenenti alla minoranza araba. Le forze di sicurezza, la polizia antisommossa e gli agenti armati in borghese hanno sparato munizioni vere, causando l'uccisione di almeno otto persone, tra cui due bambini, e il ferimento di molte persone ferite si sono nascoste e non si sono recate in ospedale per paura di essere arrestate. Secondo un media statale, nella sola città di Susangard sono state arrestate oltre 300 persone.

Molti dei feriti si sono nascosti e non si sono recati negli ospedali per paura di essere arrestati. I rapporti confermano che sono state arrestate oltre 360 persone. Sono stati arrestati anche almeno nove bambini di età compresa tra i 12 e i 18 anni. Mentre alcuni sono stati rilasciati con condizioni restrittive di libertà provvisoria, la situazione di altri rimane sconosciuta. Il Relatore speciale è preoccupato per la mancanza di indagini sull'uso della forza durante gli eventi di Susangard.

Nel novembre 2021, a Isfahan si sono svolte diverse proteste pacifiche, culminate con la manifestazione di migliaia di contadini e altre persone il 19 novembre, per denunciare il prosciugamento del fiume Zayandehrood, il reindirizzamento delle sue acque verso le province limitrofe e l'impatto della siccità. Il 26 novembre, un gran numero di forze di sicurezza ha attaccato violentemente il luogo della protesta e ha dato fuoco alle tende dei contadini per impedire ulteriori proteste.

Le forze di sicurezza hanno usato manganelli, gas lacrimogeni e pistole a pallini in una violenta repressione delle proteste, causando ferite alla testa e agli occhi e l'arresto di almeno 200 persone.

La polizia ha confermato l'arresto di almeno 67 persone.

Al 29 novembre, i funzionari sanitari hanno confermato che due manifestanti feriti erano in gravi condizioni. Sono state segnalate interruzioni della connessione a Internet al momento della repressione.

È continuato l'uso di munizioni vere contro i corrieri di frontiera, che ha portato all'uccisione e al ferimento di oltre 200 persone tra il 1° gennaio e il 1° dicembre 2021. Tra questi, l'uccisione da parte delle forze di sicurezza, nel luglio 2021, di un corriere di frontiera Baluchi che vendeva pane al confine e l'uccisione, nell'ottobre 2021, di un corriere di frontiera curdo, colpito a morte nella zona di confine di Sardasht da funzionari di frontiera. Nel novembre 2021, agenti anti-contrabbando hanno aperto il fuoco contro un veicolo civile a Sanandaj, uccidendo un individuo disarmato. Non ci sono state indagini su queste o altre uccisioni di corrieri di frontiera. A questo proposito, il governo ha affermato che le guardie di frontiera hanno preso di mira solo gruppi terroristici e contrabbandieri armati nell'ambito del controllo dei confini.


A.4 Privazione arbitraria della vita durante la detenzione

Il Relatore speciale è preoccupato per il numero di morti in detenzione in circostanze poco chiare che non vengono indagate. I decessi avvenuti nel penitenziario della Grande Teheran nel corso di una settimana sono emblematici: Shahin Naseri è stato trovato morto in carcere nel settembre 2021. Naseri aveva testimoniato, attraverso molteplici dichiarazioni scritte, di aver assistito alla tortura del compagno di detenzione Navid Afkari nell'ottobre 2018 da parte di agenti in borghese. Le autorità giudiziarie avevano in precedenza minacciato Naseri di perseguirlo penalmente per le sue testimonianze. Intorno al 12 settembre 2021, anniversario dell'esecuzione di Afkari, Naseri era stato trasferito in isolamento. A ottobre, la magistratura ha dichiarato la causa della sua morte come avvelenamento da farmaci, senza fornire ulteriori dettagli.

Tra il 1° gennaio e il 1° dicembre 2021, almeno 11 prigionieri curdi sarebbero morti in circostanze poco chiare in carcere. Tra questi c'è Rahman Ahmadian, la cui morte nella struttura di detenzione del Ministero dell'Intelligence a Orumiyeh è stata annunciata a metà luglio. Le autorità hanno dichiarato la causa della morte come suicidio, nonostante i segni di lividi e percosse trovati sul suo corpo. Yasser Mangouri, arrestato dagli agenti del Ministero dell'Intelligence nel luglio 2021 nella provincia di Azarbayjan-e Gharbi, è stato fatto sparire con la forza e le istituzioni di sicurezza hanno negato di sapere dove si trovasse per due mesi. Nel settembre 2021 si è saputo che era stato emesso un certificato di morte, che confermava ufficialmente la sua morte come conseguenza di uno scambio di fuoco durante l'arresto. Secondo quanto riferito, era disarmato al momento dell'arresto. Il suo corpo non è stato restituito alla famiglia prima della sepoltura. Nel carcere centrale di Sanandaj, nella provincia del Kurdistan, Khosrow Jamalifar è morto il 2 novembre 2021, a quanto pare dopo essere stato duramente picchiato dalle guardie carcerarie. Il suo corpo è stato sepolto segretamente senza essere restituito alla famiglia. Il procuratore della provincia del Kurdistan ha negato in un notiziario l'affermazione secondo cui Jamalifar sarebbe stato picchiato dalle guardie carcerarie.

Tra il 1° gennaio e il 1° dicembre 2021, almeno 11 prigionieri curdi sarebbero morti in circostanze poco chiare in carcere. Tra questi c'è Rahman Ahmadian, la cui morte nella struttura di detenzione del Ministero dell'Intelligence a Orumiyeh è stata annunciata a metà luglio. Le autorità hanno dichiarato la causa della morte come suicidio, nonostante i segni di lividi e percosse trovati sul suo corpo. Yasser Mangouri, arrestato dagli agenti del Ministero dell'Intelligence nel luglio 2021 nella provincia di Azarbayjan-e Gharbi, è stato fatto sparire con la forza e le istituzioni di sicurezza hanno negato di sapere dove si trovasse per due mesi. Nel settembre 2021 si è saputo che era stato emesso un certificato di morte, che confermava ufficialmente la sua morte come conseguenza di uno scambio di fuoco durante l'arresto. Secondo quanto riferito, era disarmato al momento dell'arresto. Il suo corpo non è stato restituito alla famiglia prima della sepoltura. Nel carcere centrale di Sanandaj, nella provincia del Kurdistan, Khosrow Jamalifar è morto il 2 novembre 2021, a quanto pare dopo essere stato duramente picchiato dalle guardie carcerarie. Il suo corpo è stato sepolto segretamente senza essere restituito alla famiglia. Il procuratore della provincia del Kurdistan ha negato in un notiziario l'affermazione secondo cui Jamalifar sarebbe stato picchiato dalle guardie carcerarie.

Il Relatore speciale ricorda al Governo che quando una persona muore in circostanze non naturali mentre è sotto la custodia dello Stato, si presume che le autorità l'abbiano arbitrariamente privata della vita. Per superare questa presunzione, lo Stato deve svolgere indagini rapide, imparziali ed efficaci attraverso autorità competenti e indipendenti dall'autorità detentrice. Le autorità rifiutano sistematicamente di indagare su Jamalifar, che è stato picchiato dalle guardie carcerarie. Le autorità si rifiutano sistematicamente di indagare sui casi di morti sospette in carcere e si limitano a rendere noti i risultati delle autopsie effettuate dall'Organizzazione di Medicina Legale, che non ha sufficiente indipendenza in quanto ricade sotto l'autorità della magistratura, che controlla anche l'Organizzazione carceraria.


A.5 Condizioni di detenzione

Il Relatore speciale si rammarica per i continui maltrattamenti da parte delle guardie carcerarie, il sovraffollamento e le carenze igieniche in carcere, come descritto nei rapporti precedenti. I video trapelati dalle telecamere a circuito chiuso nei reparti pubblici della prigione di Evin, hackerati dal gruppo Edalat-e Ali, mostrano guardie carcerarie che picchiano o maltrattano in altro modo i prigionieri, celle carcerarie sovraffollate e una cella di isolamento con condizioni disumane. Il 24 agosto 2021, il capo dell'Organizzazione carceraria si è scusato e ha promesso di indagare sugli abusi e prevenire ulteriori violazioni. Il Governo ha osservato che le violazioni in questione erano state indagate mesi prima della pubblicazione dei video. Secondo le testimonianze di ex detenuti, le rivelazioni sono solo la punta dell'iceberg della realtà delle condizioni carcerarie del Paese. Il Relatore speciale ha anche ricevuto rapporti sulle condizioni deplorevoli dei centri di detenzione segreti sotto il controllo del Ministero dell'Intelligence e dell'Organizzazione dell'Intelligence del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche. Le persone arrestate arbitrariamente con accuse di sicurezza nazionale sono trattenute in queste strutture per lunghi periodi di detenzione preventiva. Gli studenti Ali Younesi e Amirhossein Moradi sono rimasti arbitrariamente detenuti in sezione 209 della prigione di Evin, sotto il controllo del Ministero dell'Intelligence, dal loro arresto nell'aprile 2020. La natura segreta di questi centri di detenzione, senza la supervisione di organismi indipendenti, aumenta il rischio di gravi violazioni. L'uso diffuso di diversi metodi di tortura e maltrattamento contro gli attivisti politici curdi detenuti nei centri di detenzione segreti del Ministero dell'Intelligence e del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche a Orumiyeh, Sanandaj e Kermanshah è profondamente preoccupante.

Oltre ai video trapelati, i documenti rilasciati dalle autorità carcerarie destano gravi preoccupazioni sulle politiche carcerarie. In una di queste lettere, un ex funzionario della prigione di Evin afferma che gli scioperi della fame da parte dei prigionieri o la pubblicazione di dichiarazioni e lettere aperte sono considerati comportamenti criminali e che "in questi casi, i prigionieri [accusati] di violazioni dovrebbero essere tenuti in isolamento, il loro benessere [compresi gli incontri privati e pubblici] dovrebbe essere limitato e dovremmo esaminare le loro richieste".

La negazione dei diritti fondamentali dei prigionieri costringe molti individui a ricorrere agli scioperi della fame. Khaled Pirzadeh è in sciopero della fame dall'agosto 2021 per protestare contro il rifiuto di concedergli la libertà condizionata e contro la mancata separazione dei detenuti in base ai loro reati. Sta scontando una condanna a cinque anni di carcere con l'accusa di sicurezza nazionale. Il prigioniero politico curdo Ghader Mohammadzadeh ha iniziato uno sciopero della fame a luglio per 39 giorni per protestare contro il rifiuto della sua richiesta di permesso, mentre l'importo della cauzione prevista per il permesso è stato sequestrato dalle autorità. I prigionieri politici Narollah Lashani e Soheila Hejab hanno iniziato uno sciopero della fame dal 19 settembre al 3 ottobre 2021 per protestare contro le crescenti pressioni sui prigionieri politici e l'interferenza dell'apparato di sicurezza nelle decisioni dei tribunali. Il 16 novembre, la signora Hejab è stata mandata nella prigione di Sanandaj. Nel carcere di Orumiyeh, il 22 settembre, 43 prigionieri nel reparto dei prigionieri politici hanno rifiutato il cibo per protestare contro il rifiuto di cure mediche a 12 prigionieri gravemente malati. La difensore dei diritti umani Atena Daemi, in esilio nel carcere di Lakan, ha iniziato uno sciopero della fame il 12 agosto 2021 per protestare contro le frequenti restrizioni al diritto dei prigionieri di usare il telefono. Ha terminato lo sciopero il 17 agosto 2021 dopo la ripresa delle chiamate telefoniche. Tuttavia, la sua scheda telefonica è stata confiscata e le è stato negato il diritto di telefonare alla sua famiglia fino al 24 novembre 2021. Il Relatore speciale è preoccupato per la mancanza di misure che garantiscano la sicurezza dei detenuti, anche da attacchi da parte di altri prigionieri. Nell'ottobre 2021, i prigionieri politici Shapour Ehsanirad, Pouya Ghobadi, Esmail Gerami, Akbar Bagheri e Akbar Shirazi sono stati gravemente feriti dopo essere stati aggrediti da detenuti violenti.

È proseguito l'uso dell'isolamento prolungato. Il Relatore speciale ribadisce la sua grave preoccupazione per la situazione di Vahid e Habib Afkari, che sono rimasti in isolamento dal settembre 2020, secondo quanto riferito per impedire loro di condividere informazioni sulla loro situazione e su quella del fratello Navid Afkari, giustiziato nel settembre 2020. Ai fratelli sono stati negati i contatti telefonici con la famiglia, l'accesso a un avvocato e le cure mediche. Il Relatore speciale sottolinea che questa forma di trattamento equivale alla tortura secondo gli standard internazionali sui diritti umani e si rammarica che le autorità, nella loro risposta a una comunicazione sulla situazione dei due fratelli, non abbiano affrontato la questione. Il Relatore speciale rimane preoccupato per le molestie subite dai loro familiari, in particolare nel contesto dei loro tentativi di organizzare una cerimonia commemorativa. Un altro esempio di isolamento continuato è quello di Ali Chebishat, appartenente alla minoranza araba, che è detenuto dai servizi di intelligence nella prigione centrale di Ahvaz dal suo arresto nel luglio 2020 con l'accusa di sicurezza nazionale.

Il Relatore speciale è preoccupato per le notizie di una serie di trasferimenti, dal settembre 2021, di prigionieri di coscienza dalla prigione centrale di Orumiyeh al centro di detenzione di sicurezza del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche a Orumiyeh. Il prigioniero politico curdo Nayeb Askari è stato riportato dal centro di detenzione dell'Organizzazione di intelligence del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche alla prigione centrale di Orumiyeh. Altri cinque prigionieri di coscienza - Mohyeddin Ebrahimi, Mohyeddin Tazehvared, Davoud Jabbari, Ebrahim Khalil Sedigh Hamedani e Salar Khalil Sedigh Hamedani - e tre prigionieri non politici - Farzin Ghaderi, Amir Mohammadi e Kamal Khakzad - sono ancora detenuti nel centro di detenzione. I rapporti indicano che l'Organizzazione dei servizi segreti ha assunto il controllo dell'ufficio speciale che in precedenza era sotto il controllo del Ministero dei servizi segreti.

In seguito alla quinta ondata della pandemia di coronavirus (COVID-19) nel Paese, sono state sollevate preoccupazioni per i prigionieri condannati per reati legati alla sicurezza nazionale che sono rimasti ineleggibili per il rilascio secondo i criteri annunciati dalla magistratura. A molti di coloro che sono risultati positivi al test COVID-19 in carcere non è stato concesso il rilascio temporaneo né è stata fornita loro un'assistenza sanitaria sufficiente. In seguito alle segnalazioni sull'elevato numero di infezioni nei reparti femminili della prigione di Evin e al rifiuto di concedere permessi medici, a diverse donne prigioniere politiche sono stati concessi permessi, il che è positivo. È deplorevole che sia stata negata la richiesta di libertà condizionata alla difensore dei diritti umani detenuta Aliyeh Motallebzadeh. Nel luglio 2021 aveva denunciato le condizioni di detenzione e la diffusione del COVID-19 nel reparto femminile della prigione di Evin. Il Governo ha sottolineato il protocollo per le carceri, preparato con il Ministero della Salute, che prevedeva la realizzazione di oltre 6 milioni di visite nelle carceri e l'uso di test rapidi, il ricovero di 2.000 detenuti in ospedali specializzati, misure di quarantena e la sanificazione delle carceri due volte al giorno.

Il Relatore speciale ha continuato a ricevere segnalazioni sulla negazione dell'accesso alle cure mediche durante la detenzione. I rapporti mostrano un numero allarmante di persone che si sono ammalate in modo critico o che hanno condizioni mediche gravi e di lunga data che non sono state curate in carcere. Nei casi in cui viene concesso un permesso per cure mediche, questo arriva in una fase critica o molto tardiva. Sono stati segnalati diversi casi di morte in carcere per mancanza di cure mediche tempestive, tra cui i decessi di Nasser Karimi, Hossein Pahendipour e Shamseddin Tatari. Il giornalista del lavoro e dell'assistenza sociale Khosrow Sadeghi-Boroujeni, arrestato nel 2019 e che sta scontando una pena di cinque anni con l'accusa di sicurezza nazionale per i suoi reportage sulla povertà e la disuguaglianza sociale, continua a vedersi negate le cure mediche specialistiche, nonostante le sue condizioni di salute di base. Il Relatore speciale accoglie con favore il rilascio per motivi medici di Reza Taleshian Jolodarzadeh nel novembre 2021, in conformità con la decisione del medico legale che ha stabilito che non era idoneo a essere incarcerato. Dal gennaio 2021, gli sono stati negati i farmaci per le crisi epilettiche, che hanno causato gravi complicazioni agli occhi. Il relatore ha dichiarato che il suo nome non è stato ancora rilasciato.

Il relatore speciale accoglie inoltre con favore il rilascio dell'attivista per i diritti civili Mohammad Nourizad il 17 novembre 2021, a seguito di un ordine di rilascio anticipato.


B. Detenzione arbitraria

B.1 Situazione degli avvocati e dei difensori dei diritti umani

Il Relatore speciale rimane sconcertato per la continua detenzione arbitraria di difensori dei diritti umani e avvocati a seguito di processi iniqui, nonché per le lunghe pene detentive e le dure condizioni di libertà provvisoria a cui sono sottoposti a causa delle accuse, formulate in modo vago, di "agire contro la sicurezza nazionale" e di usare "propaganda contro il regime". Essi operano in un ambiente sempre più imprevedibile e repressivo per il semplice esercizio del diritto alla libertà di espressione, associazione o riunione. Molti difensori sono stati portati in carceri lontane dalle loro case come forma di punizione, anche durante l'apice della pandemia di COVID-19. Le donne difensori dei diritti umani, i difensori dei diritti delle minoranze e gli avvocati che difendono le famiglie dei difensori dei diritti umani sono particolarmente esposti a molestie, arresti e detenzioni.

Il difensore dei diritti umani Narges Mohammadi è stata nuovamente arrestata con violenza nel novembre 2021, senza un mandato, mentre partecipava a una commemorazione delle vittime delle proteste del novembre 2019. Le è stato comunicato che la condanna a 30 mesi di carcere e 80 frustate inflittale nel maggio 2021 era diventata effettiva.

La signora Mohammadi è attualmente detenuta in isolamento nella prigione di Evin. Prima di essere riarrestata, Mohammadi era stata temporaneamente detenuta per aver partecipato ad altri raduni, anche a sostegno delle proteste nel Khuzestan.

Tra i casi di molestie giudiziarie nei confronti degli avvocati si segnala quello di Javad Alikordi, che ha iniziato a scontare la sua pena detentiva di quattro anni nel luglio 2021, con accuse tra cui propaganda contro lo Stato e insulto alla Guida Suprema, per aver gestito un canale di notizie su una piattaforma di messaggistica. Farhad Mohammadi ha iniziato a scontare la sua pena detentiva di 10 mesi nel luglio 2021.

A ottobre, Nemat Ahmadi è stato condannato a pagare una multa di 5 milioni di toman entro 10 giorni o a scontare sei mesi di carcere per "aver diffuso falsità con l'intenzione di causare ansia pubblica".

Amirsalar Davoudi, precedentemente condannato a 15 anni di reclusione, ha ottenuto il permesso di soggiorno nel giugno 2021. Nel settembre 2021, Farzaneh Zilabi, un avvocato che rappresenta il sindacato dei lavoratori dell'azienda Haft Tappeh, è stata condannata a un anno di carcere e al divieto di viaggiare per due anni con l'accusa di "attività di propaganda contro lo Stato".

Mohammad Najafi, condannato a 13 anni di carcere nel 2018 per aver chiesto conto delle morti in detenzione, è stato convocato davanti a un tribunale rivoluzionario nel luglio 2021 con una nuova accusa di "propaganda contro lo Stato" per aver chiesto il boicottaggio delle elezioni.

Nonostante un attacco di cuore ad agosto, gli sono state negate le cure mediche.

Il Relatore speciale ha espresso al governo la sua grave preoccupazione per l'arresto, la detenzione, la tortura e i maltrattamenti subiti dall'avvocato per i diritti umani Payam Derafshan. Come dettagliato in una comunicazione, l'iniezione forzata e il trasferimento in un ospedale psichiatrico di Derafshan sono un altro esempio di una preoccupante tendenza al trattamento medico forzato dei prigionieri.

Nell'ottobre 2021, una corte d'appello ha confermato la condanna a sette anni di carcere per il professore e avvocato Reza Eslami, oltre al divieto di insegnare e lasciare il Paese. All'avvocato Nasrin Sotoudeh è stato concesso un permesso medico nel luglio 2021.

Nosrat Beheshti, Hashem Khastar, Mohammadhossein Sepehri e Kamal Jafari Yazdani rimangono in carcere dopo essere stati condannati a lunghe pene detentive per aver firmato una lettera che chiedeva le dimissioni della Guida Suprema della Repubblica Islamica dell'Iran.


B.2 Cittadini stranieri e doppi cittadini

La detenzione arbitraria di cittadini stranieri e con doppia cittadinanza come mezzo per esercitare pressioni sui governi stranieri continua a destare profonda preoccupazione. Molte delle persone detenute arbitrariamente presentano gravi condizioni mediche di base che non sono state trattate, o condizioni di salute che sono significativamente peggiorate. Ahmadreza Djalali è rimasto in isolamento prolungato dal novembre 2020 e ha urgente bisogno di un intervento chirurgico e di cure dentistiche.

Nell'agosto 2021, Massud Mossaheb è stato portato senza preavviso in un tribunale rivoluzionario per ascoltare l'esito del suo verdetto d'appello, che ha ridotto la sua condanna da 10 a 8 anni. I suoi avvocati non sono stati informati. In seguito alla conclusione medica che richiedeva un ricovero in ospedale, Mossaheb è stato portato in ospedale il 14 novembre, ma è stato riportato in prigione lo stesso giorno senza ricevere le cure prescritte. A Kamran Ghaderi, detenuto dal 2016, è stato concesso un permesso di una settimana nel novembre 2021, prorogato di un'altra settimana a causa della positività al test COVID-19. La sua terza richiesta di rilascio per aver scontato più di metà della pena è stata respinta nell'ottobre 2021. Nahid Taghavi e Mehran Raoof sono stati condannati nell'agosto 2021 a 10 anni di reclusione ciascuno con l'accusa di "partecipazione alla gestione di un gruppo vietato".

Nel novembre 2020, Emad Shargi è stato condannato senza processo a 10 anni di reclusione, nonostante un precedente annuncio ufficiale che lo aveva scagionato dalle accuse. Non gli è stato concesso l'accesso alla famiglia o a un avvocato fino al settembre 2021. Anoosheh Ashoori, Morad Tahbaz, Jamshid Sharmahd e Siamak Namazi sono tra gli altri cittadini stranieri e con doppia nazionalità che rimangono imprigionati in condizioni disumane, tra cui la limitazione dei contatti con le loro famiglie. Baquer Namazi è tuttora sottoposto a un divieto di viaggio nonostante abbia urgentemente bisogno di un intervento chirurgico salvavita. Nell'ottobre 2021, l'avvocato di Nazanin Zaghari-Ratcliffe è stato informato telefonicamente che l'appello della sua seconda condanna a un anno di reclusione era fallito, il che significava che la sentenza poteva essere eseguita in qualsiasi momento. Il governo ha dichiarato che la legge iraniana non riconosce la doppia cittadinanza e che il possesso della cittadinanza di un altro Paese non concede privilegi né è motivo di essere presi di mira.


C. Diritti alla libertà di espressione, associazione e riunione pacifica

Nel novembre 2021, il Consiglio di supervisione della stampa del Ministero della Cultura e della Guida islamica ha revocato la licenza di esercizio del quotidiano statale Kelid, anche il sito web di Kelid è stato messo offline.

Il divieto è stato emesso giorni dopo che Kelid aveva pubblicato un articolo con un titolo che si traduce in "Milioni di iraniani vivono sotto la soglia di povertà".

Le autorità hanno continuato a limitare indebitamente la libertà di espressione online, anche attraverso l'imposizione di chiusure localizzate di Internet durante le proteste o i periodi sensibili, come nella provincia di Kohgiluyeh va Boyer Ahmad e nella provincia di Khuzestan.

Inoltre, sono stati effettuati diversi arresti di persone per il loro esercizio della libertà di espressione online. Tra questi, nel giugno 2021, la polizia informatica ha arrestato tre persone per aver pubblicato online notizie su candidati alle elezioni. Nel settembre 2021, il difensore dei diritti umani Payam Shakiba è stato condannato a 13 mesi di reclusione e al divieto di lasciare il Paese e di far parte di gruppi politici e sociali per due anni. La sua condanna si basava sull'accusa di aver sostenuto i prigionieri politici e di aver incoraggiato il boicottaggio delle elezioni attraverso attività online. Il Relatore speciale rimane preoccupato per le minacce contro i giornalisti all'estero e le loro famiglie all'interno del Paese, compreso il personale del servizio persiano della BBC, e per l'aumento di attacchi misogini online contro le giornaliste.

Il relatore speciale è preoccupato per gli sforzi legislativi volti a limitare lo spazio digitale. Il disegno di legge sulla protezione dei diritti degli utenti nel cyberspazio e sull'organizzazione dei social media, attualmente all'esame del Parlamento, prevede un'infrastruttura sempre più isolazionista che, di fatto, consoliderebbe un muro digitale nel Paese, aumenterebbe il controllo sull'informazione e negherebbe il diritto alla libertà di espressione sancito dal diritto internazionale.

Come evidenziato in altre parti del rapporto, ci sono state diverse proteste legate alle politiche ambientali e ai cambiamenti climatici che hanno avuto un impatto diretto sui mezzi di sussistenza. Inoltre, sono continuate le proteste di lavoratori, pensionati e agricoltori per i salari, la sicurezza del lavoro e il diritto all'organizzazione collettiva.

Tra giugno e ottobre 2021 si sono svolte oltre 350 proteste in diversi settori dell'economia iraniana.

Lo sciopero più diffuso è stato quello dei lavoratori dell'industria petrolifera, del gas e petrolchimica tra la metà di giugno e la fine di settembre 2021. Lo sciopero è stato iniziato dai lavoratori a contratto temporaneo e si è esteso a oltre 100 siti petroliferi, del gas e petrolchimici in tutto il Paese; le richieste dei lavoratori comprendevano la sicurezza del posto di lavoro attraverso l'eliminazione dei contratti privati nell'industria petrolifera, l'aumento dei salari e il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di salute.

Si stima che il 75% dei lavoratori dell'industria petrolifera sia costituito da lavoratori a contratto, assunti temporaneamente da appaltatori privati e privi dei benefici previsti dalle leggi sul lavoro.

L'uso di contratti temporanei e i ritardi nei salari hanno provocato proteste tra i lavoratori di altri settori, tra cui i dipendenti delle municipalità, gli infermieri e gli insegnanti.

È continuata la criminalizzazione della difesa dei diritti dei lavoratori. Shapour Ehsani-Rad, membro del consiglio di amministrazione della Free Union of Iranian Workers e rappresentante dei lavoratori espulsi dalla Saveh Rolling and Profile Mills Company, sta scontando una condanna a sei anni dal giugno 2020. Nel giugno 2021, una corte d'appello ha confermato la condanna a tre anni di reclusione nei confronti del difensore dei diritti dei lavoratori Maziar Seyednejad, in relazione a un caso di violazione dei diritti umani. Esmail Abdi, un difensore dei diritti degli insegnanti che doveva essere rilasciato nel novembre 2020 dopo aver scontato una condanna a cinque anni, rimane in carcere dopo che le autorità hanno rinnovato una condanna sospesa a 10 anni nei suoi confronti. Nell'ottobre 2021, il Ministero dell'Istruzione ha finalizzato la decisione di licenziare il difensore dei diritti degli insegnanti Mohammad Habibi dal suo incarico, nonostante il suo appello.

Habibi aveva lavorato come insegnante per 17 anni ed era stato rilasciato dal carcere nel novembre 2020. I lavoratori dell'azienda Haft Tappeh hanno dato vita a una nuova ondata di proteste nel luglio 2021, chiedendo il pagamento dei salari arretrati, il ritorno dei lavoratori licenziati e la fine dell'azione penale nei confronti del loro avvocato.


D. Standard di vita adeguati

I dati ufficiali mostrano che l'inflazione su base annua nel periodo agosto-settembre 2021 è stata del 45%, con un aumento dei prezzi dei generi alimentari del 60% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Secondo il Centro statistico dell'Iran, circa il 20% della popolazione con il reddito più alto detiene il 47% della ricchezza, mentre il 20% con il reddito più basso detiene lo 0,5% della ricchezza.

Gli elevati costi alimentari e di vita, uniti ai bassi salari, hanno continuato a spingere le persone al di sotto della soglia di povertà e ad aumentare il divario di disuguaglianza.

Secondo le stime, oltre il 30% della popolazione viveva al di sotto della soglia di povertà ad agosto 2021, mentre alcuni legislatori stimano che il numero sia pari al 60%.

Almeno 25 milioni di persone si trovano in condizioni di povertà assoluta, non riuscendo a soddisfare i bisogni più elementari, come cibo, acqua, casa e istruzione. L'assemblea suprema dei lavoratori iraniani ha annunciato nel novembre 2021 che il paniere di spesa minimo per una famiglia di tre membri aveva raggiunto i 12 milioni di toman, tre volte superiore al salario minimo stabilito dal Consiglio supremo del lavoro per quell'anno.

L'alto tasso di inflazione è continuato senza un aumento commisurato del salario minimo per i lavoratori. La recessione economica e il deficit di bilancio hanno causato ritardi nel pagamento degli stipendi ai dipendenti pubblici e ai pensionati coperti dai fondi statali per le pensioni e la sicurezza sociale. Il governo ha sottolineato l'impatto negativo delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti d'America sul godimento dei diritti umani.

Le questioni ambientali e legate alla terra rappresentano una minaccia per il diritto a uno standard di vita adeguato, in particolare nelle province popolate da minoranze. Oltre alla crisi idrica nel Khuzestan e nell'Isfahan, si registra una grave carenza d'acqua nella provincia di Sistan va Baluchestan, che spinge gli abitanti a prendere l'acqua dai fiumi vicini, con un alto rischio di annegamento. Circa 28 milioni degli 83 milioni di abitanti del Paese vivono in aree con scarsità d'acqua, principalmente nelle regioni centrali e meridionali del Paese. L'accesso all'acqua potabile, un diritto in sé, è inestricabilmente legato al diritto al più alto standard di salute raggiungibile, ed è quindi protetto da entrambi gli articoli 11 e 12 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali.

Sono continuate le distruzioni di proprietà, in violazione delle raccomandazioni delle Nazioni Unite di fermare gli sgomberi forzati durante la pandemia. Tra queste, la demolizione di case residenziali a Zahedan e Chabahar, in gran parte popolate dalla minoranza araba, nel settembre e ottobre 2021 da parte della Fondazione per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano, insieme alle forze militari, senza fornire un risarcimento o un riparo. È proseguita anche la confisca di proprietà baha'i, in violazione del diritto internazionale, anche attraverso la notifica arbitraria della magistratura nell'agosto 2021 di confiscare sei proprietà nella provincia di Semnan, ai sensi dell'articolo 49 della Costituzione.


E. Risposta COVID-19 e diritto alla salute

La Repubblica Islamica dell'Iran ha affrontato la quinta ondata di COVID-19, con un aumento delle infezioni e dei decessi rispetto alle ondate precedenti. Secondo i dati resi disponibili dal Ministero della Salute e pubblicati su un cruscotto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, dal 5 agosto al 17 settembre il numero di decessi giornalieri si è attestato tra i 400 e i 600,93 con oltre 709 decessi in 24 ore il 24 agosto 2021, il numero più alto dall'inizio della pandemia. Nell'agosto 2021, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha espresso preoccupazione per l'epidemia di COVID-19 nel Paese e per il basso livello di copertura vaccinale, nonché per l'impatto sulla vita e sui mezzi di sussistenza della popolazione. Altri rapporti indicano una grave carenza di forniture mediche negli ospedali, con il timore che le sanzioni abbiano posto ulteriori vincoli all'accesso alle attrezzature e ai prodotti medici. I reparti e i corridoi sono pieni zeppi di pazienti in attesa di cure per il COVID-19. Secondo gli esperti sanitari, le limitate forniture di vaccini e la lentezza della campagna di vaccinazione hanno contribuito in modo significativo alla crisi sanitaria. Il governo ha lanciato la campagna di vaccinazione COVID-19 il 18 febbraio 2021. Al 1° giugno, 536.326 persone su una popolazione di 83 milioni di persone avevano ricevuto due dosi di vaccino COVID-1997.

A seguito di critiche diffuse e dell'incapacità dei produttori nazionali di consegnare la quantità di dosi di vaccino promessa, il divieto iniziale di importazione del vaccino è stato revocato. Il 10 agosto, la Guida Suprema ha annunciato che i vaccini dovevano essere acquistati in tutti i modi possibili, anche importandoli. Tra il 23 agosto e il 23 settembre sono state importate più di 30 milioni di dosi. Il ritmo del lancio della vaccinazione COVID-19 è aumentato significativamente nei mesi di settembre e ottobre. In seguito a questa accelerazione della campagna vaccinale, al 29 novembre 2021 oltre 57 milioni di persone avevano ricevuto due dosi di vaccino.

Il Relatore speciale ricorda che le componenti del diritto alla salute implicano che ogni persona ha il diritto di avere accesso a un vaccino per la COVID-19 che sia sicuro, efficace e basato sull'applicazione dei migliori sviluppi scientifici.


F. Situazione delle donne e delle ragazze

Nel novembre 2021, il Consiglio dei Guardiani ha ratificato la legge sui giovani e sulla protezione della famiglia. Il Relatore speciale ha già espresso gravi preoccupazioni sulle conseguenze dannose della legge in termini di diritto delle donne e delle ragazze alla salute sessuale e riproduttiva.

La legge mira ad aumentare la crescita demografica imponendo severe restrizioni e divieti all'aborto, alla sterilizzazione volontaria e all'accesso a beni, servizi e informazioni contraccettivi moderni.

Mentre l'aborto era già criminalizzato nel Codice penale, la nuova legge abroga la legge del 2005 sull'aborto terapeutico. L'articolo 61, dalla formulazione vaga, prevede l'imposizione della pena di morte con l'accusa di "corruzione in terra" per chiunque pratichi l'aborto su larga scala.

La legge del 2021 prevede anche incentivi diretti e indiretti per aumentare i matrimoni precoci, senza prevedere una restrizione di età.

L'età legale del matrimonio per le ragazze rimane di 13 anni, e anche le ragazze in età più giovane possono stipulare un contratto di matrimonio con il consenso del padre e l'autorizzazione di un tribunale competente, in violazione del diritto internazionale. Secondo i dati ufficiali, tra marzo 2020 e marzo 2021 sono stati registrati oltre 31.000 matrimoni di bambine di età compresa tra i 10 e i 14 anni, con un aumento del 10,5% rispetto all'anno precedente.

Nello stesso periodo, si è registrato un aumento del 6% dei matrimoni di bambine di età compresa tra i 15 e i 19 anni e oltre 66.000 nascite registrate tra madri di età compresa tra i 15 e i 19 anni. Il Relatore speciale ha già avvertito in precedenza che le banche che offrono "prestiti matrimoniali" senza restrizioni di età hanno aumentato i matrimoni infantili, preoccupazione ribadita da un viceministro nel luglio 2021. Ciò è particolarmente preoccupante nel contesto dell'aumento della povertà, che ha spinto le famiglie delle aree emarginate a cercare nuove fonti di reddito.

Il Relatore speciale nota con rammarico che non ci sono stati sviluppi nell'adozione del disegno di legge sulla salvaguardia della dignità delle donne e la loro protezione dalla violenza. Il Relatore speciale ha continuato a ricevere segnalazioni di delitti "d'onore ", in cui i colpevoli vengono scagionati o le loro pene ridotte a causa di particolari esenzioni dalla responsabilità penale previste dalla legge o della riluttanza delle famiglie a perseguire un membro della famiglia.


G. Situazione delle minoranze

Il Relatore speciale ha continuato a ricevere segnalazioni sulla violazione dei diritti degli individui appartenenti a gruppi di minoranza etnica e religiosa. Come evidenziato in altre parti del presente rapporto, le minoranze sono colpite in modo sproporzionato dall'imposizione della pena di morte e dalla privazione arbitraria della vita, e sono anche svantaggiate per quanto riguarda il riconoscimento dei diritti nella legge e come questione politica quadro di riferimento per l'uso della forza da parte degli agenti di frontiera e di sicurezza, e per garantire una formazione in linea con gli standard internazionali.

Il Relatore speciale nota con preoccupazione la continua repressione delle minoranze religiose, anche attraverso la chiusura forzata delle case di culto per motivi di sicurezza nazionale. Nel giugno 2021, oltre 10 persone della minoranza Baluchi del villaggio di Ramin sono state convocate in tribunale dopo aver partecipato a una manifestazione per impedire la distruzione di un'area riservata ai musulmani sunniti per la preghiera. Tra il 1° gennaio e il 1° dicembre 2021, almeno 53 cristiani sono stati arrestati per la pratica del loro credo religioso. Il Relatore speciale nota con preoccupazione il continuo attacco ai membri della comunità baha'i e alle loro proprietà e l'intensificarsi della campagna diffamatoria sui social media contro alcuni dei suoi rappresentanti. Nell'ottobre 2021, quattro membri della comunità baha'i sono stati condannati a cinque anni di reclusione per aver cercato di accedere all'istruzione superiore.

Il Governo ha dichiarato che le minoranze sono rispettate e che cristiani, ebrei e zoroastriani sono liberi di celebrare i loro riti religiosi ai sensi dell'articolo 13 della Costituzione.

Tra gennaio e ottobre 2021, sono state arrestate o detenute circa 500 persone curde, tra cui insegnanti, corrieri di frontiera, artisti, difensori dei diritti umani e ambientali, giornalisti, artisti e avvocati. Almeno 140 di loro sono stati accusati di reati legati alla sicurezza nazionale. A giugno, lo scrittore curdo e difensore dei diritti umani Aram Fathi e la difensore dei diritti umani Soraya Haghdoust sono stati arrestati nelle loro rispettive case a Marivan.

Fathi è stato trasferito alla stazione di polizia e, secondo quanto riferito, è stato sottoposto a scosse elettriche e minacciato di essere ucciso. Entrambi sono stati rilasciati su cauzione il 28 giugno.

Le limitazioni al diritto all'istruzione nella propria lingua madre rimangono una preoccupazione per le minoranze. Abbas Lisani e Alireza Farshi, difensori dei diritti delle minoranze azero-turche, sono tuttora detenuti. A novembre, un altro attivista turco-azero, Parviz Siabi, è stato condannato da un tribunale rivoluzionario a 16 anni di reclusione (di cui un massimo di 10 sono esecutivi). Siabi era stato arrestato durante le proteste a Tabriz nel luglio 2021. Il Governo ha fatto notare che la sua sentenza è all'esame di una Corte d'Appello. Nell'ottobre 2021, 12 attivisti turco-azeri, arrestati durante le proteste ad Ardabil nell'ottobre 2020, sono stati condannati a 14 mesi di carcere e 74 frustate ciascuno. Il Governo ha osservato che l'articolo 15 della Costituzione consente l'insegnamento delle lingue locali ed etniche nelle scuole e che diverse università utilizzano le lingue locali nell'insegnamento.


3. Responsabilità per le violazioni dei diritti umani

L'impunità istituzionale e l'assenza di un sistema di responsabilità per le violazioni dei diritti umani permeano il sistema politico e legale della Repubblica Islamica dell'Iran. L'assenza di responsabilità deriva da varie carenze all'interno delle strutture statali, tra cui la negazione dei principi dello Stato di diritto e della separazione dei poteri. La responsabilità per le gravi violazioni dei diritti umani rappresenta un obbligo fondamentale per gli Stati ai sensi del diritto internazionale. Una condizione fondamentale per garantire un sistema valido di responsabilità è la creazione di strutture giuridiche e politiche di governance adeguate. A livello istituzionale, sarà necessario radicare i principi dello Stato di diritto e della separazione dei poteri, tra cui l'indipendenza della magistratura, il pluralismo politico e la partecipazione democratica al processo decisionale. Inoltre, è necessario adottare misure per garantire i diritti delle minoranze e delle donne, per istituire un sistema di controllo e di controllo dei diritti delle donne.

Le limitate opportunità economiche spingono molti, comprese le donne sole a capo di famiglie, a diventare corrieri di frontiera per sopravvivere. Il Relatore speciale ricorda i commenti fatti dal Governo sul suo ultimo rapporto all'Assemblea Generale, riguardo alla serie di misure volte a migliorare la situazione economica nelle province di confine, compresa la creazione di opportunità di lavoro. Sebbene queste misure siano benvenute, non sostituiscono il dovere di indagare sull'uccisione dei corrieri di frontiera, né il dovere di garantire la responsabilità. Il Relatore speciale si rammarica del fatto che l'impunità sia legalmente sancita dalla legge del 1995 sull'uso delle armi da fuoco da parte delle forze armate in casi necessari, il cui articolo 3 (9) consente agli agenti delle forze dell'ordine di usare le armi da fuoco, tra l'altro, per fermare le persone che intendono entrare o uscire attraverso i valichi di frontiera illegali e che non prestano attenzione agli avvertimenti delle guardie di frontiera. Il Relatore speciale ribadisce la necessità di rafforzare la normativa in materia sistemi di supervisione e trasparenza e di fornire alle forze di sicurezza e di polizia la capacità e la formazione per utilizzare armi meno letali.


3.1 Ostacoli strutturali alla responsabilità

La sfida fondamentale all'accountability nella Repubblica islamica dell'Iran è rappresentata dall'apparato istituzionale giuridico e politico, che di per sé non è conforme agli obblighi dello Stato ai sensi del diritto internazionale. L'esercizio del potere, la base della governance, compreso il rapporto tra chi detiene il potere e chi ne è soggetto, si basa sulla Costituzione del 1979, che radica un'ideologia politica islamica come fondamento e scopo della governance. La forma di governo, nota come velayat-e faqih, consolida l'autorità esecutiva, legislativa e giudiziaria nella posizione della Guida Suprema, che non è una carica eletta dal popolo. L'Assemblea degli Esperti, un organo clericale composto da 88 membri, è autorizzata a nominare, controllare e revocare la Guida Suprema, ma in pratica non ha mai messo in discussione la Guida Suprema. Come tale, e come elaborato nella Costituzione, non esiste una significativa separazione dei poteri all'interno di questo sistema di governo. La Costituzione stabilisce inoltre un sistema di organi di governo che non sono soggetti a elezioni popolari, come ad esempio il Consiglio dei Guardiani e il Consiglio di Presidenza, o che sono soggetti a elezioni basate su criteri rigorosi per i candidati che sono controllati dal Consiglio dei Guardiani, come il Parlamento, l'Assemblea degli Esperti e il Presidente. L'ideologia dello Stato è un prerequisito per qualsiasi forma di partecipazione politica, è alla base delle politiche dello Stato e dei suoi vari organi e viene utilizzata anche per l'interpretazione dei diritti individuali. È chiaro che questo sistema di governance stabilisce un rapporto particolare tra gli individui e lo Stato, in cui il mantenimento del sistema di governance e dell'ideologia politica ha la precedenza sulla protezione e sul rispetto dei diritti degli individui. All'interno di questa configurazione, non esiste un modo significativo con cui la popolazione possa partecipare liberamente ai meccanismi decisionali, compresi i processi legislativi, o ritenere responsabili i decisori. Il Governo ha sottolineato il diritto di ogni nazione di scegliere la propria forma di governo e che la struttura politica della Repubblica Islamica dell'Iran è una democrazia religiosa. Ha inoltre sottolineato la completa indipendenza della magistratura e che la responsabilità e la lotta all'impunità sono previste dalla legge e dalla prassi degli enti preposti all'applicazione della legge e della giustizia.

Sebbene siano stati istituiti sistemi di supervisione, ad esempio nel sistema carcerario o in quello sanitario, a questi organismi non sono stati concessi gli strumenti per adempiere alle loro responsabilità né il potere di garantire una supervisione indipendente. Mancano le condizioni per garantire la responsabilità a livello legislativo ed esecutivo e il sistema giudiziario agisce come organo repressivo anziché come organo indipendente a cui gli individui possono rivolgersi. Inoltre, istituzioni parallele hanno gradualmente acquisito un ruolo centrale nella governance, come il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche, che risponde solo alla Guida suprema.

Questo sistema di governance è in contrasto con il principio dello Stato di diritto e con il diritto internazionale dei diritti umani che stabilisce gli standard per ciò che lo Stato può fare e come può farlo. Garantire lo Stato di diritto richiede la creazione di un insieme di istituzioni e procedure, tra cui una magistratura indipendente, che osservi scrupolosamente e possa garantire un giusto processo.


3.2 Mancanza di indipendenza della magistratura

La mancanza di un sistema giudiziario indipendente e la sua politicizzazione sono uno dei principali fattori che contribuiscono alla mancanza di responsabilità. Secondo l'articolo 156 della Costituzione, la magistratura è un potere indipendente, protettore dei diritti dell'individuo e della società e responsabile dell'attuazione della giustizia. L'indipendenza della magistratura è tuttavia negata da disposizioni costituzionali che non la consentono, tra cui quelle che stabiliscono che tutti i poteri dello Stato devono operare sotto la supervisione della Guida suprema. L'articolo 61 della Costituzione limita i poteri della magistratura, che deve essere condotta secondo i criteri islamici.

I principi dell'indipendenza giudiziaria e della separazione dei poteri sono ulteriormente compromessi dalle disposizioni relative alla nomina del capo della magistratura e dei giudici. Il capo della magistratura è nominato direttamente dal leader supremo per un periodo di cinque anni. Il capo della Corte suprema e tutti i giudici sono selezionati direttamente o indirettamente dal capo della magistratura.

I criteri per diventare giudici sono ulteriormente politicizzati da requisiti quali "fede e impegno pratico verso l'Islam", "impegno pratico verso la Costituzione e il principio del velayat-e faqih" e "assenza di qualsiasi affiliazione o simpatia con gruppi, partiti e organizzazioni illegali". La legislazione esclude le donne giudice, e i processi di controllo legati alla nomina dei giudici assicurano che le convinzioni politiche e religiose dei giudici siano pienamente allineate a quelle dell'ideologia di Stato. I giudici che contestano l'ideologia ufficiale dello Stato rischiano di essere sottoposti a punizioni, tra cui il licenziamento e l'interdizione permanente a ricoprire incarichi giudiziari sulla base di criteri vaghi e arbitrari. La legge sulla selezione basata su standard religiosi ed etici consente indagini da parte del Consiglio supremo di selezione e del Ministero dell'Intelligence sulle credenze, sulle precedenti opinioni e affiliazioni politiche di un individuo e su eventuali pentimenti (towbeh) rispetto a tali opinioni e affiliazioni. Tali processi sono in contrasto con gli standard internazionali e consentono l'esclusione di candidati solo sulla base di convinzioni non in linea con le ideologie politiche e religiose sancite dallo Stato.

Il relatore speciale rimane preoccupato per il ruolo dei tribunali rivoluzionari nel sistema di giustizia penale. Istituiti dopo la rivoluzione del 1979 su ordine della Guida suprema, questi tribunali hanno condotto processi sommari e arbitrari per sterminare gli oppositori politici della rivoluzione. Nonostante la mancanza di una base costituzionale, i tribunali rivoluzionari hanno continuato a operare e a condannare a porte chiuse attivisti politici, giornalisti, avvocati e difensori dei diritti umani, con condanne in questi casi influenzate dagli organi di intelligence. Un emendamento al Codice di procedura penale (art. 303) del 1980 ha stabilito lo scopo originario dei tribunali rivoluzionari, che era quello di esercitare la giurisdizione sui reati di droga e altri reati, compresi quelli legati alla sicurezza nazionale. Sin dalla loro istituzione, questi tribunali hanno costantemente violato i diritti umani fondamentali, tra cui il diritto al giusto processo e il diritto a un processo equo, come previsto dall'articolo 14 del Patto internazionale sui diritti civili e politici.

I tribunali rivoluzionari sono responsabili dell'emissione della stragrande maggioranza delle sentenze di pena di morte, comprese migliaia di esecuzioni sommarie e arbitrarie. Nel periodo 2010-2020, le statistiche disponibili indicano che su 6.033 esecuzioni, 3.619 (60%) erano basate su sentenze emesse dai tribunali rivoluzionari.

Il Relatore speciale ha costantemente evidenziato i difetti del Codice penale e del Codice di procedura penale nel garantire il diritto a un processo equo. Le carenze strutturali impediscono alle vittime di perseguire la responsabilità nell'ambito del quadro giuridico e giudiziario esistente. La diminuzione dell'indipendenza della professione legale nella Repubblica islamica dell'Iran e le molestie subite dagli avvocati per i diritti umani hanno compromesso anche gli sforzi per l'accertamento delle responsabilità. Come riportato in precedenti rapporti, gli avvocati per i diritti umani sono soggetti a intimidazioni e procedimenti giudiziari con accuse di sicurezza nazionale. Molti hanno scontato lunghe pene detentive in relazione ai loro doveri professionali. Il Relatore speciale ha precedentemente espresso al Governo le sue preoccupazioni per la serie di sforzi legislativi che minano l'indipendenza degli ordini degli avvocati. Nel giugno 2021, la magistratura ha adottato leggi che hanno introdotto nuovi canali per l'avvio di procedimenti disciplinari contro gli avvocati e la revoca delle loro licenze, e che possono essere utilizzate per rimuovere arbitrariamente gli avvocati.

All'interno del suddetto sistema di governance, è chiaro che ottenere la responsabilità per le violazioni dei diritti umani diventa nel migliore dei casi arbitrario e nel peggiore impossibile. Il sistema di governance, e con esso l'assenza di responsabilità, è una delle ragioni per cui la popolazione della Repubblica islamica dell'Iran continua a vivere senza garanzie minime di protezione contro il potere dello Stato, comprese le sue forze di sicurezza e di intelligence.


3.3 Esempi emblematici di mancata garanzia di responsabilità

Il Relatore speciale, altri meccanismi per i diritti umani e la società civile hanno documentato negli anni esempi di gravi violazioni dei diritti umani. Tra questi, l'uso su larga scala della forza letale da parte delle forze di sicurezza, delle forze dell'ordine e di altri agenti statali contro manifestanti pacifici durante le proteste nazionali del 2009, 2019, 2020 e 2021, che ha portato a un numero allarmante di feriti e morti, oltre ad arresti, sparizioni forzate, detenzioni, procedimenti giudiziari ed esecuzioni. Altri esempi sono le sparizioni forzate su larga scala e le esecuzioni sommarie di dissidenti politici reali o presunti, compresi i bambini, nel 1982 e nel 1988, che a tutt'oggi non sono state oggetto di alcuna indagine o responsabilità, ma in cui è in corso la distruzione delle prove di tali crimini, in quella che sembra essere una politica ufficiale dello Stato volta a cancellare questi eventi dalla memoria. Gli assassinii nel periodo 1988-1998 di dissidenti, intellettuali e artisti, noti come "omicidi a catena", rimangono senza responsabilità, così come le uccisioni di attivisti al di fuori dei confini del Paese. Altri esempi sono l'abbattimento del volo PS752 della Ukraine Airlines e l'uso sistematico della forza letale contro i corrieri di frontiera.

Inoltre, le morti in custodia di Stato dovute a violenze da parte di funzionari carcerari o altri agenti statali, come documentato in altre parti del presente rapporto, e le morti in custodia di Stato dovute al rifiuto di cure mediche, continuano a verificarsi senza essere oggetto di indagini o responsabilità. Le organizzazioni della società civile stimano che oltre 70 uomini e donne siano morti in custodia di Stato tra gennaio 2010 e settembre 2021, secondo quanto riferito a causa di torture, uso della forza, armi da fuoco e gas lacrimogeni, in varie fasi del processo, a partire dalle indagini preliminari, e in strutture detentive gestite dall'unità investigativa della polizia (Agahi), Il Ministero dell'Intelligence, la polizia cittadina regolare, le guardie di frontiera o dell'immigrazione, la cyberpolizia e il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche. Nessuno dei decessi è stato oggetto di un'indagine indipendente o di un'assunzione di responsabilità. Invece, le autorità attribuiscono i decessi in custodia a overdose di droga, malattia o suicidio, senza condurre un'indagine indipendente. I familiari e gli avvocati sono spesso soggetti a molestie e intimidazioni, soprattutto quando contestano pubblicamente la spiegazione ufficiale dei decessi o quando intraprendono azioni legali. Il governo ha sempre dichiarato che le accuse di tortura sono prive di fondamento, poiché la Costituzione e il Codice penale vietano il ricorso alla tortura e alla confessione estorta sotto costrizione. Il Relatore speciale si rammarica per la negazione del problema da parte delle autorità, che di per sé costituisce un ostacolo all'accertamento delle responsabilità.

Gli esempi sopra citati di assenza di responsabilità per le violazioni dirette del diritto alla vita non sono affatto esaustivi. Il problema della responsabilità si estende anche ad altre aree, compresa la responsabilità per le politiche governative, ad esempio nel campo della salute o dell'ambiente.


3.4 Proteste del novembre 2019

Sono passati più di due anni dalle proteste del novembre 2019, brutalmente represse in tutto il Paese, senza che siano state adottate misure concrete per garantire la responsabilità dell'uso della forza contro i manifestanti e delle successive azioni contro di loro e i familiari che cercano giustizia. Il Relatore speciale ha già riferito in precedenza sull'uso senza precedenti della forza eccessiva e letale da parte delle forze di sicurezza dello Stato durante le proteste, tra cui la polizia e il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche, compresa la sua milizia Basij. Secondo notizie confermate, almeno 324 persone, tra cui 22 bambini e 10 donne, sono state uccise tra il 15 e il 19 novembre 2019 in 37 città del Paese, anche se si ritiene che il bilancio delle vittime sia molto più alto. Oltre alla sostanziale perdita di vite umane come conseguenza dell'uso palesemente illegale della forza letale da parte delle forze di sicurezza dello Stato, non ci sono state indagini, nessuno è stato ritenuto responsabile e non c'è stata alcuna modifica successiva al quadro legislativo e alla politica che regola l'uso della forza nella gestione delle assemblee. Come per altre proteste, i dati relativi a morti e feriti delle proteste del novembre 2019 non sono stati annunciati ufficialmente.


3.5 Cattiva gestione della pandemia COVID-19 da parte del governo

Nel contesto della pandemia COVID-19, l'assenza di un'inchiesta sui decessi eccessivi causati dalla risposta del governo alla pandemia è un altro esempio di assenza di responsabilità. Nel gennaio 2021, la Guida Suprema ha vietato l'importazione di vaccini prodotti nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord o negli Stati Uniti, una decisione criticata da esperti sanitari e organizzazioni per i diritti umani. Il Governo è stato criticato per aver ritardato l'importazione di vaccini disponibili dando invece priorità allo sviluppo di vaccini nazionali, in cui avrebbe investito ingenti risorse. Sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che la politica di affidarsi alla produzione di vaccini locali piuttosto che all'importazione urgente di vaccini disponibili sia stata guidata dall'interesse finanziario di imprese commerciali di proprietà dello Stato piuttosto che da preoccupazioni di salute pubblica. La critica è stata ripresa da funzionari della sanità, tra cui il capo della task force COVID-19 a Teheran. Il Relatore speciale ha già sollevato gravi preoccupazioni sull'impatto che la politica di importazione dei vaccini ha avuto sulla salute pubblica, la politicizzazione della politica di vaccinazione COVID-19 e il divieto di importazione di alcuni vaccini COVID-19 hanno inciso sul diritto alla salute.


3.6 Cultura dell'impunità e delle rappresaglie

Il sistema di governance e la corrispondente assenza di un sistema di responsabilità ha creato una cultura dell'impunità che perpetua i cicli di violenza, poiché le violazioni dei diritti umani non hanno conseguenze per lo Stato o per i singoli autori. Sembra esistere una politica statale volta a intimidire, perseguire o mettere a tacere coloro che chiedono responsabilità, giustizia e verità, siano essi vittime stesse, parenti, difensori dei diritti umani, avvocati o organizzazioni. Esempi emblematici sono l'incarcerazione di Maryam Monfared per aver cercato verità e giustizia per i suoi parenti scomparsi con la forza e giustiziati nel 1988; le minacce e le molestie contro le persone che cercano di rendere conto della perdita dei loro familiari in seguito all'abbattimento del volo PS752 dell'Ukraine Airlines; gli attacchi e gli arresti di familiari che cercano di rendere conto dei loro figli uccisi durante le proteste o in prigione, come l'arresto e la detenzione di Manouchehr Bakhtiari, il padre di un manifestante ucciso durante le proteste del novembre 2019. Nel contesto del COVID-19, invece di accettare critiche o scuse per l'eccesso di morti e vittime come conseguenza delle politiche statali, si sono verificate repressioni, intimidazioni e vessazioni nei confronti dei difensori dei diritti umani. Ciò include l'arresto, l'incriminazione e la detenzione degli avvocati per i diritti umani Arash Kaykhosravi e Mostafa Nili e del difensore dei diritti umani Mehdi Mahmoudian nell'agosto 2021 per crimini di sicurezza nazionale per aver semplicemente pianificato una causa contro le autorità per la cattiva gestione della pandemia di COVID-19.


3.7 Iniziative di responsabilità della società civile

Sebbene gli organismi delle Nazioni Unite, i meccanismi per i diritti umani e la società civile abbiano lanciato appelli costanti alla responsabilità, data l'assenza di un sistema ufficiale di responsabilità, gli attori della società civile, nel corso degli anni, non hanno visto altra soluzione che portare avanti le proprie iniziative per evidenziare l'assenza di responsabilità e ottenere il riconoscimento delle violazioni. Tra queste iniziative vi sono il Tribunale del popolo iraniano, che indaga sull'esecuzione di prigionieri politici negli anni '80 , le Madri in lutto, che cercano giustizia per i figli e le figlie uccisi da agenti governativi, le associazioni delle famiglie delle vittime del volo PS752 della Ukraine Airlines e il Tribunale per le atrocità in Iran (noto anche come Tribunale Aban), istituito per indagare sull'uccisione di manifestanti da parte delle forze di sicurezza dello Stato nel novembre 2019.

Nella Repubblica islamica dell'Iran, l'impunità prolungata e sistematica per le gravi violazioni dei diritti umani è stata un fattore importante che ha contribuito alla reiterazione e alla continua violazione dei diritti. Come descritto nel presente rapporto, il sacrificio dei diritti è stato particolarmente elevato per gli individui che sfidano o sono percepiti come sfidanti del sistema di governo. Questi individui sono spesso descritti come minacce alla sicurezza nazionale, terroristi, spie o coinvolti nella criminalità organizzata. Il Relatore speciale sottolinea che tali circostanze, reali o percepiti, non giustificano la continuazione di pratiche repressive o di una legislazione che contribuisce alle violazioni dei diritti umani. Rileva che insistere sullo Stato di diritto e su un quadro basato sui diritti, ancorato al diritto internazionale dei diritti umani, come base per la governance non è un pregiudizio politico, né sostiene il terrorismo. La Repubblica islamica dell'Iran non può pretendere di essere esentata dai suoi obblighi fondamentali in materia di diritti umani.


4. Raccomandazioni


A. Responsabilità per le violazioni dei diritti umani


Il Relatore speciale raccomanda alla Repubblica islamica dell'Iran di:


- Intraprendere riforme fondamentali per l'istituzione di un sistema di responsabilità in linea con il diritto internazionale, comprese riforme costituzionali, legislative e amministrative per garantire la separazione dei poteri, il pluralismo politico e la partecipazione democratica alla governance e al processo decisionale;


- Intraprendere riforme per garantire la completa indipendenza della magistratura, anche attraverso lo scioglimento dei tribunali rivoluzionari, e riforme per garantire la trasparenza nelle nomine giudiziarie, che dovrebbero essere effettuate sulla base del merito e in assenza di condizioni discriminatorie;


- Condurre un'inchiesta indipendente, imparziale e trasparente, in linea con gli standard internazionali, sull'uso della forza da parte delle forze di sicurezza durante le proteste del novembre 2019 e ritenere responsabili tutti gli autori di violazioni dei diritti umani durante quelle e altre proteste, comprese quelle di Khuzestan e Isfahan del 2021;


- Condurre un'inchiesta nazionale e pubblica sulla gestione della pandemia COVID-19.


- Garantire l'indipendenza degli ordini degli avvocati nella Repubblica Islamica dell'Iran.


B. Pena di morte


- Il Relatore speciale invita le autorità ad abolire immediatamente, per via legislativa, la pena di morte per tutti i reati. In attesa dell'abolizione, raccomanda alle autorità di:


- imporre una moratoria immediata sulle esecuzioni e commutare tutte le condanne a morte; - imporre una moratoria immediata sulle esecuzioni e commutare tutte le sentenze capitali;


- Modificare urgentemente la legislazione per proibire l'esecuzione di persone che hanno commesso un crimine quando avevano meno di 18 anni, e modificare urgentemente la legislazione per commutare tutte le condanne a morte per i minori nel braccio della morte;


- Abolire la pena di morte per i reati che non costituiscono i crimini più gravi secondo la legge internazionale sui diritti umani;


- Pubblicare dati disaggregati sul numero di condanne a morte eseguite ogni anno.


Altre questioni relative ai diritti umani:


- Il Relatore speciale raccomanda alla Repubblica islamica dell'Iran di:

Garantire che i prigionieri e i detenuti siano protetti da ogni forma di tortura e da altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti; garantire che le confessioni ottenute con la tortura o i maltrattamenti non siano mai ammesse come prove in tribunale; istituire meccanismi per indagare sulle denunce di tortura e sui decessi in detenzione in linea con gli standard internazionali; ratificare la Convenzione contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti;


- Garantire il diritto a un processo equo a tutte le persone accusate di un reato, compreso l'accesso a un avvocato di loro scelta durante tutte le fasi del processo giudiziario;


- Garantire che i difensori dei diritti umani, comprese le donne difensori dei diritti umani, gli avvocati, i giornalisti e i cittadini doppi e stranieri, nonché le loro famiglie, non siano minacciati o sottoposti a intimidazioni, molestie, arresti arbitrari, privazione della libertà o della vita o altre sanzioni arbitrarie; rilasciare tutte le persone detenute in relazione al loro lavoro; estendere la politica di rilascio temporaneo dei prigionieri nel contesto del COVID-19;


- Rilasciare tutte le persone arrestate per l'esercizio dei loro diritti alla libertà di opinione, espressione, associazione e riunione pacifica, e riferire tempestivamente alle loro famiglie la posizione e la situazione dei detenuti;


- Garantire nella legge e nella pratica i diritti alla libertà di opinione e di espressione, di riunione pacifica e di associazione; garantire che qualsiasi limitazione a questi diritti sia conforme al diritto internazionale; ritirare la proposta di legge sulla protezione dei diritti degli utenti nel cyberspazio e sull'organizzazione dei social media;


- Abrogare la legge sui giovani e sulla protezione della famiglia e altre leggi che violano i diritti delle donne e delle ragazze; adottare misure per promuovere la partecipazione paritaria delle donne alla vita pubblica in conformità con il diritto internazionale; ratificare la Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne;


- Rivedere la legislazione per eliminare il matrimonio infantile e intraprendere programmi di sensibilizzazione sugli effetti dannosi del matrimonio precoce sui diritti delle bambine alla salute, all'istruzione e allo sviluppo;


- Abrogare tutte le leggi che scagionano i "delitti d'onore" e la violenza contro le donne; adottare la proposta di legge per preservare la dignità delle donne e proteggerle dalla violenza e adottare politiche efficaci per porre fine alla violenza contro le donne;


- Ratificare e attuare tutte le convenzioni fondamentali dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro e riconoscere i sindacati indipendenti;


- Intraprendere azioni concrete per ridurre le disuguaglianze economiche esistenti e garantire un adeguato standard di vita, compreso l'accesso ai servizi di base, senza discriminazioni;


- Adottare tutte le misure necessarie per mitigare gli effetti delle sanzioni;


- Effettuare investimenti sostanziali in tutte le carceri per ridurre il sovraffollamento, migliorare l'igiene e garantire un rapido accesso alle cure mediche;


- Continuare a impegnarsi con il Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nella Repubblica islamica dell'Iran, anche permettendo al Relatore speciale di visitare il Paese.


- Il Relatore speciale esorta gli Stati che impongono sanzioni alla Repubblica islamica dell'Iran a garantire che misure come le esenzioni umanitarie abbiano un effetto ampio e pratico e siano attuate tempestivamente ed efficacemente per ridurre al minimo le conseguenze negative delle sanzioni sui diritti umani, soprattutto durante la pandemia COVID-19.


- Il Relatore speciale esorta la comunità internazionale a chiedere responsabilità rispetto a eventi emblematici di lunga data che sono stati affrontati con persistente impunità, tra cui le sparizioni forzate e le esecuzioni sommarie e arbitrarie del 1988 e le proteste del novembre 2019.










bottom of page