top of page

Cassazione Penale

Cassazione penale , sez. II , 29/09/2023 , n. 43839

La massima

In tema di delitto di appropriazione indebita, la condotta riparatoria tenuta successivamente all'impossessamento del bene non assume rilevanza ai fini della prova della mancanza del dolo, salvo che l'intenzione di restituire il maltolto risulti, in maniera inequivocabile, al momento dell'abuso del possesso e sia accompagnata dalla certezza della possibilità di restituzione.

La sentenza integrale

RITENUTO IN FATTO 1. La Corte d'Appello di Bologna con sentenza dell'11/7/2022, in riforma della sentenza del Tribunale di Modena del 21/7/2021, assolveva B.M. dai delitto di appropriazione indebita a lui ascritto perché il fatto non costituisce reato quanto all'appropriazione di denaro e perché il fatto non sussiste in relazione alle condotte appropriative di merce con revoca delle statuizioni civili. L'imputazione attribuiva al B. di essersi appropriato, in qualità di mandatario di agenzia senza esclusiva e senza deposito della S.Z. s.p.a., per la provincia di Modena, nel 2014, di merce destinata a vari clienti del valor complessivo di oltre 4.000,00 Euro e, nel 2015, di merce per un valor di oltre 3.000,00 Euro; di essersi appropriato di alcuni assegni bancari e di somme di denaro destinate, dai clienti, al pagamento delle merci in favore della S.Z.: merci, titoli e denaro di cui B. aveva la disponibilità ed il possesso in ragione del mandato di agenzia conferitogli dalla S.Z. s.p.a.. 1.2. Valorizzando le emergenze istruttorie, in particolare le dichiarazioni dei vari clienti della S. e le dichiarazioni dello stesso B. che ammetteva di aver posto in essere le condotte appropriative, il primo Giudice ravvisava la fattispecie contestata sia sotto il profilo oggettivo e che soggettivo avendo B., in qualità di agente di commercio abilitato all'incasso, il possesso del denaro e dei beni di proprietà della S. che gestiva uti dominus e cioè destinandoli volontariamente ad esigenze proprie. 1.3. La Corte di appello, con la sentenza impugnata, ha assolto B. dal reato a lui ascritto relativamente agli ammanchi di denaro, per la mancanza dell'elemento psicologico ritenendo che l'imputato fosse "in una prima fase verosimilmente convinto di poter restituire il denaro" e di non averlo potuto restituire perché costretto dalla necessità di onorare un debito estorsivo. Quanto all'appropriazione di merci la Corte d'appello ha assolto B. ritenendo verosimile la versione alternativa fornita dalla difesa circa l'avvenuta consegna delle merci ai clienti "in nero". Negli stessi termini l'assoluzione per l'appropriazione indebita degli assegni non risultando che il B. se ne fosse appropriato. 2. Avverso detta sentenza ricorre per cassazione la parte civile V.A. n. q. di legale rappresentate della S. s.p.a. il quale deduce i seguenti motivi: 2.1. violazione di legge in relazione all'art. 646 c.p., per avere la Corte d'appello ritenuto insussistente l'elemento psicologico del reato a fronte della intenzione dell'imputato di restituire le somme di denaro, intenzione che non avrebbe alcun rilievo ai fini della sussistenza del reato, posto che la condotta riparatoria, peraltro parziale, fu posta in essere successivamente alla consumazione del reato. 2.2. Con il secondo e terzo motivo, tra loro connessi, si censura la sentenza di appello per avere ritenuto insussistente il reato di appropriazione indebita delle merci valorizzando la versione alternativa della difesa circa la sussistenza di una prassi secondo cui gli esercenti acquisivano merci in nero e pagavano in contanti, La parte civile ricorrente censura la ricostruzione dei fatti operata dal giudice di appello, fondata sulle dichiarazioni di due soli testi, dei quali non era stata verificata la credibilità, a fronte di 13 titolari di esercizi commerciali che escludevano di avere ricevuto la merce di cui alle fatture e disconoscevano formalmente le firme ivi apposte. La prassi dell'avvenuta consegna in nero della merce non solo era smentita dalla maggior parte dei commercianti ma, secondo il ricorrente, non incontrava affatto il loro interesse posto che essi, diversamente da quanto si assume in sentenza, avrebbero invece avuto interesse a contabilizzare la merce potendosene dedurre il costo a fini fiscali, sarebbe contrario alla logica l'argomento per cui il commerciante che effettua il pagamento della merce non ne conservi traccia. Analogamente, con riferimento all'appropriazione degli assegni la decisione della Corte d'appello sarebbe smentita per tabulas dagli esercenti clienti e dagli accertamenti della Guardia di finanza che attestavano che gli assegni erano stati consegnati dai clienti al B. e non versati alla S.. In data 21 settembre 2023 la parte civile ha depositato una memoria difensiva a sostegno del ricorso. CONSIDERATO IN DIRITTO 1. Le censure prospettate dalla ricorrente parte civile, con riguardo ai vizi di violazione di legge ed alle carenze logico-motivazionali della sentenza impugnata, sono fondate. In via generale va ricordato il giudice d'appello, in caso di riforma, in senso assolutorio, della sentenza di condanna di primo grado, sulla base di una diversa valutazione del medesimo compendio probatorio, non è obbligato alla rinnovazione della istruttoria dibattimentale, ma è tenuto a strutturare la motivazione della propria decisione in maniera rafforzata, dando puntuale ragione delle difformi conclusioni assunte (Sez. U, n. 14800 del 21/12/2017, Rv. 272430; Sez. 6, n. 51898 del 11/07/2019, Rv. 278056; Sez. 4, Sentenza n. 4222 del 20/12/2016, Rv. 268948). 2. Tanto premesso, quanto al primo motivo, deve osservarsi che il provvedimento impugnato ha, dopo una compiuta analisi in fatto della fattispecie portata al suo esame, ritenuto insussistente la condotta appropriativa contestata dal pubblico ministero, in considerazione del fatto che B. pur avendo materialmente appreso il denaro destinato alla S., fosse animato dalla volontà di restituirlo, tanto che aveva cercato di ripianare i debiti, con denaro suo e dei suoi familiari, non riuscendo nell'intento e denunciando per questo l'estorsore che, sostanzialmente, lo aveva costretto agli ammanchi. Tale conclusione è erronea in quanto, come già affermato da questa Corte Suprema, il delitto di appropriazione indebita è reato istantaneo che si consuma con la prima condotta appropriativa e cioè nel momento in cui l'agente compie un atto di dominio sulla cosa con la volontà espressa o implicita di tenere questa come propria Sez. 5, n. 1670 del 08/07/2014, Rv. 261731; Sez. 2, n. 25282 del 31/05/2016, Rv. 26707). Nel caso di specie nessun rilievo può essere riconosciuto a quella che è rimasta una mera intenzione dell'imputato di restituire la somma, successivamente, trattandosi di proposito meramente astratto che non ha inciso sulla già intervenuta consumazione del reato. Ed invero, l'intenzione di adempiere e di restituire il maltolto fa venir meno il dolo nel delitto di appropriazione indebita, solo quando risulti in modo certo, nel momento dell'abuso di possesso, la detta intenzione e questa sia accompagnata dalla certezza della possibilità di restituzione (Sez. 2, n. 9416 del 27/05/1981, dep. 24/10/1981, Budellacci; Rv. 150668; Sez. 2, n. 7442 del 02/02/1977, dep. 09/06/1977, Fiorillo, Rv. 136173). Circostanza, questa, che la Corte di appello ha ritenuto provata alla luce di una condotta riparatoria solo parziale e successiva al reato e per questo da reputarsi irrilevante tenendo conto del fatto che, come osservato dal primo giudice, la S. ha dovuto agire civilmente per il recupero di quanto sottratto e che la condotta del B. non poteva essere minimamente scriminata dallo stato di necessità di dover far fronte ad un debito estorsivo, posto che l'imputato poteva sottrarsi dalla costrizione a violare la legge mediante ricorso all'autorità, cui andava chiesta tutela. (Sez. 4, Sentenza n. 15167 del 09/01/2015 Ud. (dep. 13/04/2015) Rv. 26313 Sez. 5, Sentenza n. 4903 del 23/04/1997 Ud. (dep. 23/05/1997) Rv. 208134). 3. Parimenti fondata in questo caso per illogicità manifesta e carenza di motivazione rafforzata, è la doglianza contenuta nel secondo motivo, nella parte in cui contesta il ragionamento seguito dal giudici di appello per assolvere l'imputato dal delitto di appropriazione indebita delle merci, valorizzando la tesi dell'imputato circa l'esistenza di una prassi che vedeva eseguite consegne in nero di merci, suffragata da due sole dichiarazioni testimoniali di cui una interessata e l'altra de relato, a fronte di una compendio probatorio di natura dichiarativa e documentale ben più ampio e dettagliato posto a fondamento della decisione di primo grado, che escludeva detta prassi (pagg. 29 e segg. della sentenza di primo grado). Contrariamente a quanto sostenuto nella sentenza di appello, appare illogico che i commercianti avessero interesse a negare di avere ricevuto la merce e di averla pagata poiché, invece, inserendo la fattura emessa, in contabilità, essi avrebbero avuto un beneficio fiscale e pagando la merce in contanti, sarebbero risultati in pari con la S.. 4. Quanto al terzo motivo lo stesso appare fondato a fronte di una motivazione di appello, relativa all'assoluzione per gli ammanchi degli assegni meramente assertiva "non emerge infatti la prova che B. se ne fosse appropriato e peraltro uno di questi era oggetto dell'azione furtiva subita dall'imputato il 17/9/2014", a fronte di una motivazione del giudice di primo grado, fondata su elementi probatori di natura dichiarativa e documentale (pag. 31 della sentenza di primo grado). La pronuncia impugnata non risulta quindi supportata da motivazione "rinforzata", avendo la Corte d'appello, sul punto, affermato in modo apodittico e non adeguatamente argomentato che non si ritiene raggiunta la prova degli ammanchi degli assegni. 5. L'ordine di considerazioni sviluppate nei paragrafi che precedono inducono a rilevare che la motivazione posta a fondamento della sentenza impugnata risulta inficiata dalle denunciate violazioni di legge e aporie di ordine logico, che hanno pure determinato, una inappropriata applicazione dell'art. 646 c.p.. 5. Conclusivamente, la sentenza deve essere annullata agli effetti civili dandosi luogo con rinvio al giudice civile competente in grado di appello, ai sensi dell'art. 622 c.p.p. (Sez. U, n. 40109 del 18/07/2013, Sciortino, Rv. 25608701 e SU n. 22065 del 28.01.2021, Cremonini); a detto giudice, inoltre, deve essere demandato il complessivo regolamento delle spese tra le parti private anche per il presente giudizio di legittimità. P.Q.M. Annulla la sentenza impugnata limitatamente agli effetti civili, con rinvio per nuovo giudizio al giudice civile competente per valore in grado di appello, cui rimette anche la liquidazione delle spese tra le parti per questo giudizio di legittimità. Così deciso in Roma, il 29 settembre 2023. Depositato in Cancelleria il 31 ottobre 2023

Per approfondire l'argomento, leggi il nostro articolo sul reato di appropriazione indebita.

Altre sentenze sul tema

Appropriazione indebita: concorre con l'illecito amministrativo di riempimento di bombole GPL senza autorizzazione
Appropriazione indebita: sussiste in caso di asportazione di porte, infissi e di complementi architettonici da un immobile confiscato
Appropriazione indebita: non sussiste in caso di indebito utilizzo di strumenti di pagamento
Appropriazione indebita: diritto di querela spetta al legittimo detentore della cosa
Appropriazione indebita: la condotta riparatoria non rileva ai fini della prova della mancanza del dolo
Appropriazione indebita: il mancato ritiro della raccomandata può provare la consapevolezza dell'obbligo di restituzione?
Appropriazione indebita: sulla configurabilità in caso di contratto di vendita con riserva di proprietà
Appropriazione indebita: ne risponde il soggetto legittimato ad operare sul conto altrui
Appropriazione indebita: non riveste la qualifica di pubblico agente il dipendente di un IPAB
Appropriazione indebita: il funzionario di banca che dispone di denaro depositato sul conto senza delega del correntista risponde di furto aggravato
Appropriazione indebita: può essere eccepita la compensazione con un credito preesistente ove non sia certo, liquido ed esigibile?
Appropriazione indebita: sussiste se il soggetto legittimato ad operare sul conto altrui dispone delle somme depositate
Appropriazione indebita: sussiste nel caso in cui l'imputato si impossessi di beni mobili presenti nella casa di cui è conduttore
Appropriazione indebita: ne risponde di il padre che trattiene per sé gli assegni familiari
Appropriazione indebita: si configura se l'imputato riceve un bonifico per errore e trattiene la somma
Appropriazione indebita: l'inversione di possesso può avere ad oggetto un bene ricevuto per effetto di un contratto inefficace
Appropriazione indebita: non sussiste in caso di mancata corresponsione al legale della somma ricevuta a titolo di rimborso spese legali
Appropriazione indebita: il delitto è aggravato se il soggetto agente sia stato facilitato nella sua condotta delittuosa dal rapporto di lavoro o da una sua carica sociale
Appropriazione indebita: sussiste nel caso in cui il conduttore che si impossessi di beni presenti nell'immobile
Appropriazione indebita: sussiste in caso di mancato pagamento dei ratei di una macchina affittata
Appropriazione indebita: la disponibilità materiale della cosa non esclude l'ipotesi di furto
Appropriazione indebita: assoluzione per incertezza della condotta posta in essere dall'imputato
Appropriazione indebita: il termine per la presentazione della querela decorre dagli accertamenti operati sulle somme di denaro
Appropriazione indebita: non sussiste se l'amministratore compie atti di disposizione patrimoniale idonei a soddisfare anche indirettamente l'interesse sociale
Appropriazione indebita: sussiste nel caso in cui l'amministratore senza autorizzazione faccia confluire i saldi dei conti dei condomini su unico conto a lui intestato
Appropriazione indebita: sussiste in caso di mancata riconsegna di un bene oggetto di contratto ed l'utilizzo continuato del medesimo
Appropriazione indebita: la prova della destinazione delle somme alla società e non ai fini personali deve essere fornita dall'amministratore della società
Appropriazione indebita: sulla interversione del possesso
Appropriazione indebita: non sussiste se l'autotrasportatore trattiene il mobilio affidatogli dalla cliente
Appropriazione indebita: il momento in cui la p.o. viene a conoscenza del comportamento illecito è irrilevante ai fini della individuazione della data di consumazione del reato
Appropriazione indebita: non si configura se il creditore, a garanzia del credito, trattiene la cosa detenuta a causa del rapporto obbligatorio
Appropriazione indebita: sussiste nel caso in cui il mandatario della vendita non restituisca il prezzo della vendita al legittimo proprietario
Appropriazione indebita o furto: possesso o sottrazione del bene.
Appropriazione indebita: sentenza di assoluzione
Appropriazione indebita: sussiste se l'amministratore di condominio prelevi denaro depositato sui conti correnti dei condomini
Appropriazione indebita: momento e luogo di consumazione della fattispecie
Appropriazione indebita: configurabile il concorso formale con il reato di rivelazione di segreti industriali
Appropriazioni indebita: sussiste nel caso in cui chi riceve la merce in conto visione, la trattiene oltre il termine di un anno dalla consegna senza pagarne il prezzo
Appropriazione indebita delle somme relative al condominio: momento consumativo
Appropriazione indebita: sussiste in caso di sottrazione definitiva di dati informatici mediante copiatura da PC aziendale
Appropriazione indebita: sul diritto di ritenzione esercitati sul bene altrui
Appropriazione indebita: si consuma all'atto di cessazione della carica di amministratore
Appropriazione indebita: sussiste in caso di cessione del ramo di azienda di una società che abbia un debito
Appropriazione indebita: configurabilità del reato in capo all'amministratore di condominio che si impossessi della documentazione giustificativa delle spese condominiali.
Appropriazione indebita: sussiste se il venditore di cosa di terzi si impossessi dell'importo corrisposto a titolo di acconto sul prezzo pattuito
Appropriazione indebita: sussiste in caso di percezione della pensione di soggetto deceduto conseguita dal congiunto cointestatario del conto
Appropriazione indebita: non sussiste se la cosa sia detenuta in ragione di un pregresso rapporto
Appropriazione indebita: natura, momento consumativo e decorrenza del termine per la proposizione della querela
Appropriazione indebita: sussiste in caso di rifiuto dell'agente di restituire il denaro per il quale non è stata pattuita una destinazione specifica
Appropriazione indebita: sussiste in caso di indebita percezione della pensione di soggetto detenuto conseguita dal congiunto cointestatario del conto
Appropriazione indebita: sussiste nel caso di mancata restituzione dell'acconto sul prezzo di vendita futura in esecuzione di patto opzione
Appropriazione indebita: non sussiste in caso di furto da parte del dipendente di società di trasporti che si impossessi del carburante eccedente quello necessario per il viaggio
Appropriazione indebita: sussiste in caso di cose ricevute per errore o per caso fortuito
Appropriazione indebita: il reato si consuma all'atto di cessazione della carica dell'amministratore
Appropriazione indebita: sulla configurabilità del reato in caso di beni ereditati
Autoriciclaggio: sussiste in caso di versamento di denaro provento di appropriazione indebita per estinguere debiti e ipoteche
Appropriazione indebita: sussiste nel caso in cui il mandatario destini il denaro del mandante per scopi diversi da quelli predeterminati
Appropriazione indebita: il singolo condomino può proporre querela per reati commessi in danno al patrimonio comune
Appropriazione indebita: il termine per la querela decorre dagli atti rivelatori dell'intento di convertire il possesso in proprietà
Appropriazione indebita: sussiste nel caso in cui l'amministratore di condominio ometta di effettuare i dovuti pagamenti senza provare la diversa destinazione di utilizzo delle somme incassate
Appropriazione indebita: condannato il segretario di partito che utilizzava il rimborso delle spese elettorali per far fronte a debiti personali
Appropriazione indebita: non c'è rapporto di specialità fra l'appropriazione di somme ricevute a titolo di imposta di soggiorno e il mancato versamento di tali imposte al Comune
Appropriazione indebita: condannato il prenditore che pone all'incasso un assegno bancario ricevuto in garanzia
Appropriazione indebita: l'intervenuta remissione della querela comporta l'obbligo di dichiarare la non procedibilità
Appropriazione indebita: sull'aggravante della relazione di prestazione d'opera
Appropriazione indebita aggravata: sulla procedibilità
Appropriazione indebita: sussiste in caso di appropriazione di un bene di cui si abbia il possesso per trasferimento in modo lecito da chi lo deteneva illecitamente
Appropriazione indebita: condannato broker assicurativo che si appropriava dei premi per polizze
Appropriazione indebita: non ne risponde il danneggiato che non versa al difensore le spese legali liquidate in proprio dall'ente assicurativo
Appropriazione indebita: il termine per proporre querela decorre dal momento in cui la p.o. ha piena cognizione degli elementi configurativi del reato
Appropriazione indebita: l'ingiusto profitto può anche non avere natura patrimoniale
Appropriazione indebita: non sussiste se locatore di un immobile omette di versare quanto ricevuto dal conduttore per il pagamento degli oneri condominiali
Appropriazione indebita: sussiste in caso di mancata restituzione di due mezzi presi a noleggio con unico contratto
Appropriazione indebita: ne risponde il conduttore di appartamento che asporta gli arredi dell'immobile locato
Appropriazione indebita: sui rapporti con il reato di bancarotta
Appropriazione indebita: non sussiste in mancanza della prova del dolo specifico della condotta dell'amministratore che trattiene somme ricevute dai debitori sociali
Appropriazione indebita: ne risponde il mediatore immobiliare che trattiene l’anticipo nonostante la mancata accettazione della proposta d'acquisto
Appropriazione indebita: non sussiste in caso di furto aggravato il dipendente di società che si impossessa di denaro sottraendolo dal conto aziendale
Appropriazione indebita: ne risponde chi faccia propria la cosa di cui sia già possessore
Appropriazione indebita: sull'abuso di relazione di prestazione d'opera
Appropriazione indebita: si configura interversio possesionis in caso di mancata restituzione allo scadere del noleggio di breve durata
Appropriazione indebita aggravata: l'intervenuta remissione di querela comporta l'obbligo di dichiarare la non procedibilità
Appropriazione indebita: condannato il tour operator che trattiene tutte le somme ricevute in virtù del contratto di allotment
Appropriazione indebita: se commessa in danno di beni aziendali impedisce di giudicare l'imputato di bancarotta per distrazione in relazione agli stessi beni
Appropriazione indebita: in tema di mandato a vendere e decorrenza del termine di prescrizione
Appropriazione indebita: si consuma nel luogo e nel tempo in cui la manifestazione della volontà di fare proprio il bene giunge a conoscenza della p.o.
Appropriazione indebita: se l'agente ha la detenzione del bene ma non l'autonomo potere dispositivo si configura il reato di furto
Appropriazione indebita: ne risponde l'amministratore di condominio che senza autorizzazione fa confluire i soldi dei condomini su conto a lui intestato
Appropriazione indebita: sulle differenze con il reato di peculato di un bene fungibile
Appropriazione indebita: non sussiste se l'intestatario fiduciario di quote societarie non trasferisce le quote al fiduciante
Appropriazione indebita: condannato il soggetto che si impossessa dei beni dell'associazione da cui è stato escluso
Appropriazione indebita: il dipendente di un vettore che si impossessa della cosa trasportata commette solo il reato di furto
Appropriazione indebita: non sussiste in caso di appropriazione di denaro da parte del dipendente di ufficio postale che svolge funzioni di tipo bancario
Appropriazione indebita: se il venditore a seguito di risoluzione del contratto preliminare non restituisce la somma ricevuta non è punibile
Appropriazione indebita: non sussiste in caso di mancato versamento della quota del canone di locazione da parte di un comproprietario nei confronti dell'altro
Appropriazione indebita: nel caso di bene noleggiato non è configurabile l'aggravante dell'abuso di prestazione d'opera
Appropriazione indebita: condannato il condomino che con allaccio abusivo si impossessa dell'elettricità destinata al condominio
Appropriazione indebita: la sola mancata restituzione di somme ricevute in prestito non è idonea a configurare il reato
Appropriazione indebita: sussiste se l'amministratore di società non ha impedito la distrazione di somme sociali a favore di terzi non creditori
Appropriazione indebita: condannato il promissario venditore che si impossessa del deposito cauzionale infruttifero

Appropriazione indebita: la condotta riparatoria non rileva ai fini della prova della mancanza del dolo

bottom of page