top of page

Bancarotta fraudolenta

Avvocato Consapevole dei Propositi Distrattivi: Responsabilità nella Bancarotta Fraudolenta

Cassazione penale sez. V, 04/04/2024, (ud. 04/04/2024, dep. 13/05/2024), n.18830

Concorre in qualità di extraneus nel reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, il legale o il consulente contabile che, consapevole dei propositi distrattivi dell'imprenditore o dell'amministratore di una società in dissesto, fornisca a quest'ultimo consigli o suggerimenti sui mezzi giuridici idonei a sottrarre i beni ai creditori o li assista nella conclusione dei relativi negozi, ovvero svolga un'attività diretta a garantire l'impunità o a rafforzare, con il proprio ausilio e con le proprie preventive assicurazioni, l'altrui progetto delittuoso

Per approfondire l'argomento, leggi il nostro articolo sul reato di bancarotta.

La sentenza integrale

FATTO E DIRITTO
1. Il primo motivo, nelle sue varie articolazioni, è nel suo complesso infondato.

Secondo la condivisa giurisprudenza di questa Corte, concorre in qualità di extraneus nel reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, il legale o il consulente contabile che, consapevole dei propositi distrattivi dell'imprenditore o dell'amministratore di una società in dissesto, fornisca a quest'ultimo consigli o suggerimenti sui mezzi giuridici idonei a sottrarre i beni ai creditori o li assista nella conclusione dei relativi negozi, ovvero svolga un'attività diretta a garantire l'impunità o a rafforzare, con il proprio ausilio e con le proprie preventive assicurazioni, l'altrui progetto delittuoso (Sez. 5, n. 18677 del 08/02/2021, Angeletti, Rv. 281042 - 01).

In tale cornice di riferimento si è mossa la ricostruzione della Corte d'appello che, attraverso una compiuta analisi critica delle risultanze probatorie, ha indicato le ragioni per le quali ha ritenuto che il Be. fosse stato il consapevole ideatore, nella sua qualità di consulente degli altri imputati, del disegno distrattivo delle risorse della società ADI Srl in favore di altra società attraverso la quale sarebbe proseguita l'attività imprenditoriale. Conferma del ruolo attivo dell'imputato nella realizzazione del progetto è stata colta nell'attività di cancellazione - poco importa se operata direttamente o su indicazione da parte del Be. stesso -, eseguita all'indomani della perquisizione avvenuta presso il coimputato Al.An., della cartella informatica contenente i dati della contabilità della ADI Srl, che sarebbero successivamente stati recuperati solo per effetto della ricostruzione informativa eseguita nel corso del procedimento. Il carattere eloquente delle conversazioni intercettate, quanto alla predisposizione, da parte del Be., di una versione di comodo da rendere agli inquirenti per giustificare la cancellazione dei dati, rappresenta una razionale conferma della partecipazione attiva del primo al perfezionamento dei delitti, evidentemente orientati, in una situazione di dissesto della ADI Srl, a pregiudicare gli interessi dei creditori.

Rispetto al percorso argomentativo che sorregge siffatta ricostruzione in fatto, le critiche del ricorso risultano del tutto generiche e assertive.

2. Il secondo motivo è privo di specificità, in quanto la mancata concessione delle circostanze attenuanti generiche è giustificata, nella sentenza impugnata, con motivazione esente da manifesta illogicità, che si sottrae, pertanto, al sindacato di questa Corte (Sez. 6, n. 42688 del 24/09/2008, Rv. 242419), anche considerato il principio, espressione della consolidata giurisprudenza di legittimità, secondo cui non è necessario che il giudice di merito, nel motivare il diniego della concessione delle attenuanti generiche, prenda in considerazione

tutti gli elementi favorevoli o sfavorevoli dedotti dalle parti o rilevabili dagli atti, ma è sufficiente che egli faccia riferimento a quelli ritenuti decisivi o comunque rilevanti, rimanendo disattesi o superati tutti gli altri da tale valutazione (Sez. 2, n. 3609 del 18/01/2011, Sermone, Rv. 249163; Sez. 6, n. 34364 del 16/06/2010, Giovane, Rv. 248244).

Il ricorrente assume che la sentenza impugnata, nel richiamare le conformi valutazioni del giudice di primo grado, avrebbe attribuito negativo rilievo alle scelte difensive dell'imputato. E, tuttavia, in tal modo viene eluso il cuore della questione, posto che la sentenza di secondo grado, a fronte del motivo di appello sul punto, ha semplicemente sottolineato l'assenza di elementi positivi idonei a giustificare l'attenuazione della pena, in tal modo, nella sostanza, confinando la condotta di negazione dell'imputato ad un dato neutro, nel senso che da esso non possono essere tratti dati suscettibili di giungere all'auspicata mitigazione del trattamento sanzionatorio.

3. Alla pronuncia di rigetto consegue, ex art. 616 cod. proc. pen., la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali, nonché al versamento, in favore della Cassa delle ammende, di una somma che, in ragione delle questioni dedotte, appare equo determinare in Euro 3.000,00.

P.Q.M.
Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Così deciso il 4 aprile 2024.

Depositata in Cancelleria il 13 maggio 2024.

bottom of page