top of page

Cassazione Penale

Cassazione penale sez. III, 19/01/2017, n.29544

La massima

I reati di cui agli artt. 10-bis e 10-ter e art. 10-quater, comma 1, non sono punibili se, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, i debiti tributari, comprese sanzioni amministrative e interessi, sono stati estinti mediante integrale pagamento degli importi dovuti, anche a seguito delle speciali procedure conciliative e di adesione all'accertamento previste dalle norme tributarie, nonchè del ravvedimento operoso.

La sentenza integrale

RITENUTO IN FATTO 1. Con sentenza del 22 maggio 2014 il Tribunale di Lecco condannò C.G., quale amministratore della S.r.l. OMAS, alla pena di mesi dodici di reclusione, in relazione ai reati di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 ter (per avere omesso di versare l'imposta sul valore aggiunto per l'anno 2009, pari a complessivi Euro 137.764, capo 2 della rubrica), D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 bis (per avere omesso di versare le ritenute risultanti dalle certificazioni rilasciate ai sostituti d'imposta nell'anno 2010, pari a complessivi Euro 110.528,40, capo 3 della rubrica), e D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 bis (per avere omesso di versare le ritenute risultanti dalle certificazioni rilasciate ai sostituti d'imposta nell'anno 2008, pari a complessivi Euro 158.216,91, capo 4 della rubrica). La Corte d'appello di Milano, investita della impugnazione dell'imputato, ha dato atto della assoluzione del C. da parte del Tribunale dal reato di cui al capo 1) della rubrica, desumibile in maniera inequivocabile dalla motivazione della sentenza di primo grado, e ha disatteso la prospettazione difensiva a proposito della rilevanza della crisi finanziaria che aveva investito l'impresa amministrata dall'imputato, sia in relazione al reato di omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 ter, sia con riferimento agli omessi versamenti di ritenute certificate operate negli anni 2008 e 2010, e dunque al reato di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 bis, sottolineando la mancata dimostrazione della adozione di tutte le possibili iniziative per poter provvedere alla corresponsione delle imposte dovute nonostante lo stato di crisi. E' stata, inoltre, disattesa la censura relativa alla mancata dimostrazione dell'effettiva corresponsione delle retribuzioni ai dipendenti e della consegna delle relative certificazioni, ritenendone prova sufficiente quanto emergente dal modello 770 redatto dallo stesso imputato. 2. Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione l'imputato, affidato a tre motivi, così enunciati nei limiti strettamente necessari ai fini della motivazione. 2.1. Con un primo motivo ha denunciato violazione del D.Lgs. n. 74 del 2000, artt. 10 bis e 10 ter, per la mancata considerazione da parte della Corte d'appello della insussistenza dell'elemento psicologico dei reati ascrittigli, non essendo state adeguatamente valutate dalla Corte territoriale le difficoltà finanziarie della società amministrata dal ricorrente, che gli avevano impedito di provvedere ai versamenti dell'iva e delle ritenute operate sulle retribuzioni dei dipendenti. Nonostante ciò l'imputato si era attivato per salvaguardare i dipendenti e l'attività d'impresa, mettendo a disposizione anche il proprio patrimonio personale e chiedendo alla agenzia Equitalia incaricata della riscossione dei tributi una dilazione rateale dei pagamenti. 2.2. Con un secondo motivo ha prospettato vizio della motivazione a proposito della insufficiente considerazione della adozione di tutte le iniziative volte a provvedere al versamento delle imposte dovute, tra cui la richiesta di rateizzazione del proprio debito avanzata prima della notificazione dei decreti penali di condanna emessi nei suoi confronti, e il pagamento parziale e per alcune mensilità dell'imposta sul valore aggiunto e delle altre imposte dovute. 2.3. Con un terzo motivo ha denunciato ulteriore violazione del D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 bis, per l'insufficienza della sola dichiarazione di cui al modello 770 predisposto dall'imputato ai fini della prova del pagamento delle retribuzioni e del rilascio delle certificazioni ai dipendenti. 3. Con memoria depositata il 3 gennaio 2017 il difensore dell'imputato ha fatto rilevare la sopravvenuta irrilevanza penale delle condotte di cui ai capi 2) e 3) della rubrica, i cui importi risultavano inferiori alle nuove soglie di rilevanza penale stabilite dal D.Lgs. n. 158 del 2015, art. 8. Ha, inoltre, domandato l'applicazione della speciale causa di non punibilità di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 13, introdotta dal D.Lgs. n. 158 del 2015, art. 11, avendo richiesto alla S.p.a. Equitalia la rateizzazione in 72 mensilità del debito tributario portato dalla cartella emessa nei suoi confronti, con decorrenza dal 15 ottobre 2012 al 15 settembre 2018, provvedendo regolarmente a corrispondere quanto dovuto per ogni rata. CONSIDERATO IN DIRITTO 1. Il ricorso è parzialmente fondato. 2. Va preliminarmente considerato, come peraltro sottolineato anche dal ricorrente nella sua memoria, che il D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 158, art. 8, entrato in vigore in data 22/10/2015, ha modificato il D.Lgs. n. 74 del 2000, artt. 10 bis e 10 ter, nel senso di attribuire rilevanza penale, elevando il precedente limite, unicamente alle condotte di omesso versamento dell'imposta per un ammontare superiore, rispettivamente, a Euro 150.000 per gli omessi versamenti di ritenute e ad Euro 250.000 per gli omessi versamenti iva, per ciascun periodo di imposta; va aggiunto che tale modifica, in quanto comportante una disposizione più favorevole rispetto alla precedente, si applica, ex art. 2 c.p., comma 4, anche ai fatti posti in essere antecedentemente. Ciò posto, nella specie, l'ammontare non versato è, come da contestazione, pari a Euro 137.764 per l'omesso versamento iva di cui al capo 2) della rubrica e a Euro 110.528,40 per l'omesso versamento di ritenute per il periodo d'imposta 2010 di cui al capo 3) della rubrica, importi entrambi inferiori ai limiti di legge di cui sopra. Conseguentemente, la sentenza impugnata va annullata senza rinvio con la formula "il fatto non sussiste" quanto ai reati di cui ai capi 2) e 3), posto che la soglia di rilevanza penale suddetta deve ritenersi elemento costitutivo del fatto di reato, contribuendo la stessa a definirne il disvalore, e versandosi, dunque, in una ipotesi di mancanza di un elemento costitutivo, di natura oggettiva, del reato contestato (Sez. 3, n. 3098 del 05/11/2015, Vanni, Rv. 265938; conf. Sez. 3, n. 6105 del 18/11/2015, Marchese, Rv. 266273; Sez. 3, n. 35611 del 16/06/2016, Monni, Rv. 268007). 3. Per quanto riguarda la residua imputazione di cui al capo 4) della rubrica, e cioè l'omesso versamento delle ritenute operate sulle retribuzioni corrisposte ai dipendenti nel 2008 per complessivi Euro 158.216,91, ammontare superiore alla attuale soglia di rilevanza stabilita dal D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 bis, risultano infondate le doglianze formulate con il primo e il secondo motivo, mediante i quali sono stati prospettati vizio della motivazione e violazione di legge penale a causa della insufficiente considerazione dello stato di grave crisi finanziaria che aveva colpito l'impresa amministrata dall'imputato, al punto tale da determinare una riduzione della metà del fatturato, alla quale il ricorrente aveva cercato di fare fronte salvaguardando i livelli occupazionali, l'avviamento e il konw how dell'impresa. Va al riguardo ricordato il consolidato orientamento interpretativo di questa Corte in proposito, secondo cui, al fine della dimostrazione della assoluta impossibilità di provvedere ai pagamenti omessi, occorre l'allegazione e la prova della non addebitabilità all'imputato della crisi economica che ha investito l'impresa e della impossibilità di fronteggiare la crisi di liquidità che ne sia conseguita tramite il ricorso a misure idonee da valutarsi in concreto (cfr. Sez. 3, n. 20266 del 08/04/2014, Zanchi, Rv. 259190; Sez. 3, n. 8352 del 24/06/2014, Schirosi, Rv. 263128; Sez. 3, n. 43599 del 09/09/2015, Mondini, Rv. 265262). Per escludere la volontarietà della condotta è, dunque, necessaria la dimostrazione della riconducibilità dell'inadempimento alla obbligazione verso l'Erario a fatti non imputabili all'imprenditore, che non abbia potuto tempestivamente porvi rimedio per cause indipendenti dalla sua volontà e che sfuggono al suo dominio finalistico (Sez. 3, n. 8352 del 24/06/2014, Schirosi, Rv. 263128; conf. Sez. 3, n. 15416 del 08/01/2014, Tonti Sauro; Sez. 3, n. 5467 del 05/12/2013, Mercutello, Rv. 258055; Sez. 3, 9 ottobre 2013, n. 5905/2014). Ora, nella specie, la crisi economico-finanziaria che investì l'impresa amministrata dall'imputato non fu affatto improvvisa nè imprevedibile, avendo avuto inizio sin dal 2007 e andamento negativo costante, con una progressiva riduzione del fatturato, e l'imputato non ha illustrato le iniziative via via adottate nel corso di tale crisi, onde dimostrare l'incolpevolezza della crisi di liquidità che gli avrebbe impedito in modo assoluto di adempiere l'obbligazione tributaria. Tale inadempimento risulta, invece, proprio sulla base della prospettazione difensiva dell'imputato, riconducibile a una sua precisa scelta imprenditoriale e non a una situazione di obiettiva e assoluta impossibilità, tale da escluderne la volontarietà e dunque la riconducibilità a una libera volizione dell'imputato, in quanto quest'ultimo, in presenza di una crisi economico-finanziaria, scelse consapevolmente di mantenere i medesimi livelli occupazionali e retributivi e la stessa organizzazione dell'attività d'impresa, sia pure allo scopo di non perdere l'avviamento e il konw how altamente specializzato di detta impresa, omettendo di corrispondere all'Erario le ritenute operate sulle retribuzioni corrisposte, senza perseguire alcuna altra via per fronteggiare tale crisi e ripartirne in modo omogeneo ed equilibrato il peso (ricorrendo ad accordi per la riduzione temporanea e parziale dei livelli occupazionali e retributivi): ne consegue che la omissione addebitata all'imputato deve ritenersi frutto di una sua libera determinazione, sia pure ispirata alla volontà di salvaguardare l'attività di impresa e i livelli di occupazione, ma che ha comportato l'inadempimento alle obbligazioni tributarie nei confronti dello Stato, con la conseguente corretta configurazione del residuo reato ascrittogli e l'insussistenza del vizio di illogicità della motivazione denunciato, avendo la Corte territoriale correttamente sottolineato, sulla scorta del ricordato orientamento interpretativo della giurisprudenza di legittimità, la mancata adozione di iniziative volte a evitare di non riversare esclusivamente sull'Erario l'aggravio della crisi finanziaria che colpì l'impresa amministrata dall'imputato. 4. Il terzo motivo, mediante il quale è stata prospettata l'insufficienza di quanto emergente dalla dichiarazione Mod. 770 predisposta dall'imputato per consentire di ritenere provato il rilascio ai sostituiti delle certificazioni attestanti l'ammontare delle ritenute, è inammissibile a causa della sua genericità, essendo riproduttivo di identica censura formulata con l'atto d'appello e privo del necessario confronto critico con la motivazione sul punto della sentenza impugnata, nella quale sono state sottolineate la portata confessoria di tale modello (che l'imputato non ha neppure affermato di non aver predisposto nè sottoscritto), oltre che la sua valenza indiziaria riguardo alla consegna delle certificazioni, che l'imputato non ha negato, con la conseguente inammissibilità della doglianza a causa della mancanza della necessaria specificità, consistendo nella mera riproposizione di doglianze motivatamente disattese dalla Corte d'appello, con argomenti con cui il ricorrente ha omesso di confrontarsi. 5. La richiesta di applicazione del D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 13, introdotto dal D.Lgs. n. 158 del 2015, art. 11, richiede accertamenti in fatto che sono preclusi a questa Corte di legittimità e debbono, dunque, essere demandati ai giudici del merito. La disposizione invocata dal ricorrente prevede attualmente che: "I reati di cui agli artt. 10-bis e 10-ter e art. 10-quater, comma 1, non sono punibili se, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, i debiti tributari, comprese sanzioni amministrative e interessi, sono stati estinti mediante integrale pagamento degli importi dovuti, anche a seguito delle speciali procedure conciliative e di adesione all'accertamento previste dalle norme tributarie, nonchè del ravvedimento operoso. I reati di cui agli artt. 4 e 5 non sono punibili se i debiti tributari, comprese sanzioni e interessi, sono stati estinti mediante integrale pagamento degli importi dovuti, a seguito del ravvedimento operoso o della presentazione della dichiarazione omessa entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo, semprechè il ravvedimento o la presentazione siano intervenuti prima che l'autore del reato abbia avuto formale conoscenza di accessi, ispezioni, verifiche o dell'inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimenti penali. Qualora, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, il debito tributario sia in fase di estinzione mediante rateizzazione, anche ai fini dell'applicabilità dell'art. 13-bis, è dato un termine di tre mesi per il pagamento del debito residuo. In tal caso la prescrizione è sospesa. Il Giudice ha facoltà di prorogare tale termine una sola volta per non oltre tre mesi, qualora lo ritenga necessario, ferma restando la sospensione della prescrizione". Tale disposizione è stata ritenuta applicabile anche ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 158 del 2015, anche qualora, alla data predetta, sia già stato aperto il dibattimento, giacchè, diversamente, si determinerebbe una disparità di trattamento in relazione a situazioni uguali (e cioè relative a soggetti che abbiano aderito alle speciali procedure conciliative e di adesione e abbiano in corso i relativi pagamenti), in ordine alla quale sarebbe prospettabile una questione di legittimità costituzionale (cfr. Sez. 3, n. 40314 del 30/03/2016, Fregolent, Rv. 267807), sicchè la sentenza impugnata deve essere annullata con rinvio ad altra sezione della Corte d'appello di Milano, affinchè accerti se i pagamenti eseguiti dall'imputato abbiano comportato l'estinzione del debito tributario relativo al reato di cui al capo 4) della rubrica, e sussistano di conseguenza i presupposti di applicabilità della causa di non punibilità di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 13 invocata dal ricorrente. 6. In conclusione la sentenza impugnata deve essere annullata senza rinvio la sentenza impugnata quanto ai reati di cui ai capi 2) e 3) perchè i relativi fatti non sussistono e con rinvio alla Corte d'appello di Milano, in diversa composizione, quanto all'eventuale applicazione della causa di non punibilità di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 13 in riferimento al reato di cui al capo 4) e quanto all'eventuale rideterminazione della pena, e il ricorso deve, nel resto, essere rigettato. P.Q.M. Annulla senza rinvio la sentenza impugnata quanto ai reati di cui ai capi 2) e 3) perchè il fatto non sussiste e con rinvio alla Corte d'appello di Milano, in diversa composizione, quanto all'eventuale applicazione della causa di non punibilità di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 13 in riferimento al reato di cui al capo 4) e quanto all'eventuale rideterminazione della pena. Rigetta nel resto. Così deciso in Roma, il 19 gennaio 2017. Depositato in Cancelleria il 14 giugno 2017v

Altre sentenze sul tema

Omesso versamento di ritenute: presenta una componente omissiva ed una precedente componente commissiva
Omesso versamento di IVA: sulla crisi di liquidità dell'impresa e forza maggiore idonea ad escludere la colpevolezza
Omesso versamento dell'IVA: sulla condotta dolosa o consapevole del cessionario
Omesso versamento di IVA: differenze con il reato di omesso versamento di ritenute
Omesso versamento dell'Iva: competenza per territorio e domicilio fiscale del contribuente
Omesso versamento di IVA: irrilevante la presentazione di domanda di ammissione al concordato preventivo
Omesso versamento debito IVA: non può disporsi il sequestro se il debitore è stato ammesso al concordato con pagamento dilazionato dell'imposta
Omesso versamento dell'IVA: l'imposta dovuta va valutata sulla base della dichiarazione annuale
Omesso versamento dell'Iva: il contribuente non può dedurre il mancato pagamento della fattura
Omesso versamento di IVA: sulla crisi di liquidità del debitore
Omesso versamento IVA: il curatore fallimentare non può proporre opposizione al sequestro neppure agendo in rappresentanza dei creditori
Omesso versamento IVA: sull'ammissione alla procedura di concordato
Omesso versamento IVA: sul momento consumativo
Omesso versamento IVA: sull'interesse ad impugnare per ottenere assoluzione con formula piena
Omesso versamento IVA: è richiesto il dolo generico e non rilevano i motivi della scelta dell'agente di non versare il tributo
Omesso versamento IVA: si ha particolare tenuità solo se l'omissione riguarda una somma prossima alla soglia di punibilità
Omesso versamento IVA: la mancata riscossione di crediti non costituisce circostanza idonea ad escludere il dolo
Omesso versamento IVA: ininfluente la presentazione di domanda di ammissione al concordato preventivo
Omesso versamento IVA: sul valore scriminante della domanda di concordato preventivo
Omesso versamento IVA: il liquidatore subentrato risponde per gli omessi versamenti
Omesso versamento IVA: differenze con il delitto di omesso versamento di ritenute dovute o certificate di cui all'art. 10 bis del d.lgs. 10 marzo 2000 n. 74
Omesso versamento IVA: in tema di competenza per territorio, non può farsi riferimento al criterio del domicilio fiscale del contribuente
Omesso versamento IVA: l'imprenditore deve preferire il pagamento dei tributi rispetto alla retribuzione dei dipendenti
Omesso versamento IVA: in tema di crisi di liquidità, l'imputato deve provare di avere adottato misure idonee a fronteggiarla
Omesso versamento IVA: sulla delega a operare rilasciata dal titolare di un conto corrente all'indagato
Omesso versamento IVA: il debito deve risultare da dichiarazione del contribuente
Omesso versamento IVA: sulla prova del dolo
Omesso versamento IVA: Prescrizione del reato di evasione dell'Iva
Omesso versamento IVA: la crisi economica dell'azienda come scriminante
Omesso versamento IVA: in tema di non corrispondenza tra debito dichiarato e contabilità dell'impresa
Omesso versamento IVA: ne risponde l'imprenditore che incassa le somme ma non le accantona usandole per autofinanziamento
Omesso versamento IVA: annullamento senza rinvio
Omesso versamento IVA: sul limite massimo annuale di compensazione tra crediti Iva e debiti relativi ad altre imposte
Omesso versamento IVA: infondata q.l.c. dell'art. 10 bis d.lg. n. 74 del 2000 per violazione dell'art. 3 cost. e per disparità di trattamento con l'art. 10 ter d.lg. n. 74 del 2000
Omesso versamento IVA: sulla configurabilità del reato
Omesso versamento IVA: assoluzione
Omesso versamento IVA: non esiste rapporto di specialità con il reato di truffa aggravata
Omesso versamento IVA: va assolto l'imputato se prima della scadenza per il versamento è ammesso al concordato preventivo
Omesso versamento IVA: sulla preclusione al patteggiamento per mancata estinzione del debito tributario
Omesso versamento IVA: sulla particolare tenuità del fatto
Omesso versamento IVA: quando la crisi finanziaria e di liquidità integra l’esimente per la mancanza di dolo
Omesso versamento IVA: sulle differenze con il reato di ritenute dovute o certificate di cui all'art. 10-bis del d.lgs. 10 marzo 2000 n. 74
Omesso versamento IVA: la mancata riscossione delle fatture emesse comporta la mancanza del dolo generico nel reato
Omesso versamento IVA: il contribuente deve dimostrare l'inattendibilità della compilazione del quadro VL
Omesso versamento IVA: sulla scriminante della crisi di liquidità
Omesso versamento IVA: l'imprenditore non può dedurre il mancato pagamento della fattura né lo sconto bancario della fattura
Omesso versamento IVA: la crisi di liquidità del contribuente non può essere invocata quale causa di forza maggiore quando rappresenti una concausa dell'omesso versamento del tributo unitamente al comportamento illegittimo del contribuente
Omesso versamento Iva: va riconosciuta una causa di esclusione dell'elemento soggettivo del reato in caso di difficoltà o crisi finanziaria dell'impresa
Omesso versamento IVA: la presentazione della domanda di concordato non esclude la punibilità tributaria
Omesso versamento IVA: in tema di compensazione, in tutto o in parte, delle eccedenze di credito
Omesso versamento IVA: sui doveri dell'imprenditore
Omesso versamento IVA: sull'adempimento del debito tributario prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado
Omesso versamento IVA: sulla formula assolutoria da utilizzare in ipotesi di mancata integrazione della soglia di punibilità
Omesso versamento Iva: sulla non punibilità per crisi economica
Omesso versamento IVA: sulla non punibilità per particolare tenuità del fatto
Omesso versamento IVA: sulla compatibilità tra infedele dichiarazione e omesso versamento
Omesso versamento IVA: sull'interruzione della prescrizione
Omesso versamento IVA: il sequestro per equivalente può essere disposto nei confronti del legale rappresentate solo se risulti impossibile il sequestro nel patrimonio dell'ente
Omesso versamento IVA: sulla responsabilità del liquidatore subentrante
Omesso versamento IVA: non può essere giustificato con il pagamento dei lavoratori dipendenti
Omesso versamento IVA: non rileva la circostanza che la società attraversi una fase di criticità e destini risorse finanziarie per far fronte al pagamento di debiti ritenuti più urgenti
Omesso versamento IVA: sulla configurabilità del dolo eventuale
Omesso versamento IVA: sul sgravio e l'annullamento della cartella
Omesso versamento IVA: sulla competenza per territorio dell'ufficio dell'Agenzia delle entrate
Omesso versamento IVA: in tema di dolo
Omesso versamento IVA: ne risponde l'amministratore nominato al momento della scadenza del termine ultimo per versare l'imposta
Omesso versamento IVA: per l'individuazione della competenza per territorio non può farsi riferimento al criterio del domicilio fiscale del contribuente
Omesso versamento IVA: sull'esclusione dei principi della sentenza Taricco
Omesso versamento IVA: la somma da versare in caso di mancato versamento IVA è quella risultante dalla dichiarazione del contribuente
Omesso versamento IVA: sui criteri per la ricostruzione dell'imposta evasa
Omesso versamento IVA: sulla esclusione della colpevolezza per crisi di liquidità
Omesso versamento IVA: sulla definizione di reati della stessa indole in caso di omesso versamento di ritenute previdenziali
Omesso versamento IVA: non è richiesta l'acquisizione al fascicolo del dibattimento della dichiarazione fiscale del contribuente
Omesso versamento Iva: ne risponde l'amministratore in carica al momento in cui sorge l'obbligo di versamento
Omesso versamento IVA: sul limite massimo dei crediti d'imposta e dei contributi compensabili
Omesso versamento IVA: sul dolo del reato
Omesso versamento IVA : configurabile il concorso con la bancarotta impropria mediante operazioni dolose
Omesso versamento IVA: l’applicazione della confisca è sottratta alla discrezionalità del giudice
Omesso versamento IVA: non sussiste il dolo se l'imprenditore ha richiesto di pagare mediante rateizzazione
Omesso versamento Iva: quando è irrilevante la crisi aziendale ai fini della punibilità
Omesso versamento IVA: va escluso il dolo se l'imprenditore, in caso di crisi, si attivi con una strategia per fronteggiarla
Omesso versamento IVA: sulla responsabilità del liquidatore di società
Omesso versamento IVA: per accertare il dolo generico va valutata la possibilità di adempiere al pagamento nel termine di legge
Omesso versamento IVA: Il mancato incasso di crediti non esclude il dolo del reato di omesso versamento dell'i.v.a.
Omesso versamento IVA: sull'applicabilità della causa di non punibilità prevista dall'art. 131-bis c.p.
Omesso versamento IVA: in caso di nuove soglie di punibilità, vanno revocate anche le condanne definitive
Omesso versamento IVA: il dolo è integrato dalla condotta omissiva posta in essere nella consapevolezza della sua illiceità
Omesso versamento IVA: il superamento della soglia di punibilità è elemento costitutivo
Omesso versamento IVA: imputato assolto poiché aveva dismesso le cariche sociali in ragione dell'intervenuto fallimento
Omesso versamento IVA: non rileva lo stato di crisi finanziaria della precedente gestione se vi era consapevolezza della crisi di liquidità
Omesso versamento IVA: sulla responsabilità del liquidatore subentrato
Omesso versamento IVA: in caso di crisi di liquidità, l'imputato deve dimostrare di aver messo in campo misure, anche sfavorevoli per il suo patrimonio personale
Omesso versamento IVA: l'omessa azione di recupero crediti esclude l'esimente della forza maggiore
Omesso versamento IVA: il mancato incasso per inadempimento contrattuale di un cliente non esclude il dolo
Omesso versamento IVA: l'imprenditore deve provare di aver posto in essere tutte le misure idonee a reperire la liquidità necessari per adempiere il proprio debito fiscale
Omesso versamento IVA: sulla formula di assoluzione in caso di mancato superamento della soglia di punibilità
Omesso versamento IVA: la crisi di liquidità giustificasolo se imprevedibile e non altrimenti superabile
Omesso versamento IVA: sull'onere di allegazione in caso di crisi di liquidità
Omesso versamento IVA: se ha causato il dissesto integra il delitto di causazione del fallimento per effetto di operazioni dolose
Omesso versamento IVA: sempre sequestrabile il denaro nei conti correnti della società
Omesso versamento IVA: sulla responsabilità del liquidatore subentrato dopo la dichiarazione di imposta
Omesso versamento IVA: in tema di obbligo di motivazione della cartella di pagamento
Omesso versamento IVA: sussiste nell'ipotesi in cui il versamento non venga fatto nel termine dell'anticipo dell'anno successivo
Omesso versamento IVA: sull'onere probatorio in caso di crisi di liquidità d'impresa
Omesso versamento IVA: legittimo il procedimento penale avviato dopo l'applicazione di una sanzione sugli stessi fatti
Omesso versamento IVA: il mancato incasso di crediti non esclude la sussistenza del dolo
Omesso versamento IVA: sono ininfluenti i pagamenti successivi al perfezionamento del reato
Omesso versamento Iva: legittima la nuova soglia di rilevanza penale
Omesso versamento IVA: l'ammissione al concordato preventivo non esclude il reato
Omesso versamento IVA: è sufficiente il consapevole inadempimento dell'imprenditore
Omesso versamento IVA: sull'ordine del Giudice del fallimento di non effettuare pagamenti
Omesso versamento IVA: sulla responsabilità del curatore fallimentare
Omesso versamento IVA: va condannato l'imprenditore che sceglie di pagare altro, in caso di crisi aziendale
Omesso versamento IVA: la qualifica di legale rappresentante di società si acquisisce con l'atto di conferimento della nomina
Omesso versamento IVA: sull'esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto
Omesso versamento IVA: il nuovo ravvedimento operoso previsto dall'art. 23 d.l. n. 34 del 2023 non può trovare applicazione retroattiva
Omesso versamento IVA: sulla configurabilità dell'esimente della forza maggiore
Omesso versamento IVA: in tema di IVA all'importazione
Omesso versamento IVA: il mancato incasso per inadempimento contrattuale non esclude la sussistenza del dolo
Omesso versamento IVA: sulla "crisi di liquidità" dell'imprenditore
Omesso versamento IVA: sulla rilevanza della crisi d'impresa
Omesso versamento Iva, per il superamento della soglia di punibilità non rilevano gli interessi dovuti per il versamento trimestrale
Omesso versamento IVA: sull'assoluta impossibilità di adempiere il debito erariale
Omesso versamento IVA: la colpevolezza del contribuente non è esclusa dalla crisi di liquidità del debitore alla scadenza del termine fissato per il pagamento
Omesso versamento IVA: in caso di crisi di liquidità se l'imprenditore preferisce adempiere ad altre obbligazioni non sussiste la forza maggiore
Omesso versamento IVA: il ravvedimento operoso non è condizione per il patteggiamento
Omesso versamento IVA: in tema di variazione dell'imponibile in senso favorevole al contribuente
Omesso versamento IVA: sulla non punibilità per particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131 bis c.p.
Omesso versamento IVA: la crisi di liquidità non esclude la responsabilità
Omesso versamento IVA: irrilevante la crisi di liquidità, anche se imponente
Omesso versamento di IVA: sulla causa di non punibilità della "particolare tenuità del fatto", prevista dall'art. 131-bis c.p.
Omesso versamento IVA: integra causa di forza maggiore l’assoluta impossibilità di scelta e non la semplice difficoltà
Omesso versamento IVA: sulla responsabilità dell’amministratore subentrante
Omesso versamento IVA: l'imposta dovuta è quella risultante dalla dichiarazione annuale del contribuente
Omesso versamento IVA: la particolare tenuità del fatto non si applica se l’ammontare non pagato supera più del doppio quello fissato per legge
Omesso versamento IVA: è di natura omissiva e istantanea
Omesso versamento IVA: per profitto del reato di si intende la disponibilità liquida giacente sul conto
Omesso versamento IVA: quando la crisi di liquidità ha efficacia esimente
Omesso versamento IVA: il mancato incasso per inadempimento contrattuale dei propri clienti non esclude il dolo
Omesso versamento Iva: sulla non punibilità per crisi finanziaria dell'impresa
Omesso versamento IVA: l'imprenditore deve dimostrare di avere adottat tutte le misure idonee a scongiurare la crisi
Omesso versamento IVA: sull'ammissione al concordato con pagamento parziale dell'imposta
Omesso versamento IVA: sulla determinazione della competenza per territorio
Omesso versamento IVA: sulla rilevanza della presentazione della domanda di ammissione al concordato preventivo
Omesso versamento IVA: gli Stati membri non possono avviare procedimenti se nei confronti del soggetto è già stata emessa sanzione amministrativa
Omesso versamento IVA: non può essere giustificato, ai sensi dell'art. 51 c.p., dal pagamento degli stipendi dei lavoratori dipendenti
Omesso versamento IVA: è sempre escluso che le difficoltà economiche possano integrare la forza maggiore penalmente rilevante
Omesso versamento IVA: sulla competenza per territorio
Omesso versamento IVA: è necessaria la prova che non sia stato altrimenti possibile reperire le risorse necessarie per il puntuale adempimento delle obbligazioni tributarie
Omesso versamento IVA: sui casi di applicabilità del regime di "IVA per cassa"
Omesso versamento IVA: l'oggettiva impossibilità di adempiere rileva solo se dovuta a causa di forza maggiore
Omesso versamento IVA: sull'abolizione parziale del reato
Omesso versamento IVA: non sussiste se il pagamento dei crediti anteriori era stato vietato dal tribunale
Omesso versamento IVA: sull’accordo per la rateizzazione del debito tributario
Omesso versamento IVA: sulla crisi di liquidità
Omesso versamento IVA: sulla rilevanza dell'inadempimento dei clienti
Omesso versamento IVA: prevede una condotta mista, con una componente commissiva ed una omissiva
Omesso versamento IVA: questioni intertemporali
Omesso versamento IVA: l'elevazione di un terzo dei termini di prescrizione non si applica ai reati ex artt. 10-ter e 11 del D.lgs. n. 74/2000

Omesso versamento IVA: sull'adempimento del debito tributario prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado

bottom of page