top of page

Cassazione penale sez. III, 28/01/2021, n.23335

In tema di corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, per la cui configurabilità è richiesto il dolo specifico, è ammissibile il concorso nel reato di chi abbia agito con dolo eventuale, in quanto la struttura di quest'ultimo si caratterizza per un contenuto rappresentativo e volitivo tali da includere, con effettività e concretezza, anche la specifica finalità richiesta ai fini dell'integrazione del reato. (Fattispecie relativa a un soggetto interessato all'adozione di un atto amministrativo, che aveva conferito a un terzo l'incarico di attivarsi per farglielo ottenere, senza concordare lo specifico mezzo da utilizzare e restando estraneo alla stipulazione dell'accordo corruttivo concluso con il pubblico agente per conseguire il risultato richiesto).

La sentenza integrale

Corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio: ammissibile il concorso di chi ha agito con dolo eventuale

bottom of page