top of page
Cerca

Da abusato ad abusante: Le ferite del passato non ci abbandonano mai.

Blog

Succede ogni volta che vengo trasferito in un nuovo carcere.

Installo la mia macchina da scrivere nella mia cella e batto i tasti, gioco a carte, a calcio, partecipo alle cerimonie religiose e prima di arrivare ad accorgermene ho una manciata di amici.

Ci colleghiamo per interessi condivisi, parliamo di politica e ci commiseriamo per la vita in prigione. Abbastanza presto, ho un intero nuovo gruppo di ragazzi che vogliono passare del tempo con me per nient'altro che la mia semplice compagnia.

A volte mi spezza il cuore.

Ripenso alla mia giovinezza e mi chiedo, dov'eri quando ero piccolo?

Le persone ora mi cercano per giocare, andare a mangiare o camminare nel cortile. Sono di tutte le età e razze, con diversi background ed educazione.

È bello essere apprezzati, ma in prigione è saggio fare attenzione.

Qui dentro, i predatori sono sempre a caccia di future vittime. Quindi sono scettico e lascio passare abbastanza tempo prima di sentirmi a mio agio.

Ma una volta che lo faccio, mi chiedo, perché a scuola non è stato così facile fare amicizia? Cosa è cambiato? Perché sono così popolare ora?

Sono l'unico figlio di una povera famiglia di immigrati: mio padre un operaio siderurgico, mia madre una casalinga. Cresciuto in un quartiere segregato, infestato da criminali.

Ero intelligente, ma pigro. Ero alto, allampanato e goffo e le mie orecchie enormi sporgevano come due portiere di un'auto aperte.

I miei denti da coniglio sono arrivati ​​in una stanza pochi istanti prima di me e, per completare il cliché, i miei occhiali spessi sembravano poter vedere nel futuro. Non avevo molti amici, nessuna ragazza di nessun tipo.

A metà della quinta elementare ci siamo trasferiti in un quartiere più carino in periferia perché i miei genitori si erano stancati del fatto che il loro bambino imbranato venisse picchiato ogni giorno. La mia nuova scuola era un mare di colore. Ero l'unico alieno dall'aspetto strano.

Questa scuola aveva più risorse ed insegnanti migliori, il che significa studenti migliori.

Stavo ancora imparando le tabelline, ma la mia classe stava già imparando la pre-geometria. Non sapevo nemmeno cosa fosse la geometria. Ero un perdente e un emarginato, di nuovo. Quindi ho agito.

Ero un po' una minaccia. I miei nuovi compagni di classe mi evitavano. Penso che anche il mio professore avesse paura di me.

"Quel ragazzo viene dalla scuola del centro cittadino, stai attento", immaginavo che sussurrassero nella sala insegnanti.

Mi sono seduto da solo a pranzo. Nessuno mi ha scelto durante la lezione di ginnastica o in qualsiasi altra classe. Non sono mai stato invitato alle feste. Faceva male, la cosa più facile da fare era accettare il mio destino e così ho fatto.

Tutto questo trauma infantile vive ancora in superficie. È pieno di croste, ma ad ogni piccola puntura, sanguina.

Tutto questo accadeva mille anni fa.

In qualche modo sono riuscito a diplomarmi al liceo. Ho lasciato la mia piccola città, mi sono arruolato nell'esercito.

Ormai la mia faccia aveva finalmente raggiunto le mie orecchie, le bretelle erano state tolte, le lenti a contatto inserite, quello che una volta era un secchione alto e allampanato era sbocciato in qualcosa di vicino alla normalità, forse anche di bell'aspetto.

Vivevo in una casa enorme e avevo un sacco di appuntamenti.

Ho avuto una figlia, una carriera di successo nelle pubbliche relazioni, ho viaggiato per il mondo ed ho vissuto la vita che avevo sempre sognato.

Ma niente dura per sempre.

Un giorno, apparentemente dal nulla, il mio mondo mi è crollato addosso.

Non ho mai risolto il mio trauma interiore. Pensavo di essere oltre, ma nessuna quantità di successo può annullare il sentimento di inferiorità profondamente seminato dentro di noi.

Essere un adulto non ha reso le cose più facili. Ho cercato risposte e conferme sul fondo delle bottiglie. Ho trattato male le donne, forse nel tentativo sbagliato di vendicare il mio ego ferito. I social media hanno solo esacerbato i miei problemi e la mia nuova ricchezza ha reso più facile ferire me stesso e gli altri, specialmente quelli più vicini a me.

Ero diventato quella cosa crudele di cui un tempo avevo terrore, come purtroppo accade in tanti casi di abuso.

Ho rovinato la mia vita e alla fine sono finito in prigione.

Il vero dolore, nello scontare la mia pena, non è per me. È per tutti quelli che ho ferito, nessuno dei quali lo meritava, soprattutto mia figlia che ha perso un padre a causa delle sue dipendenze e dei suoi demoni.

In prigione, sono per molti versi morto per lei. Non posso aiutarla. Penso a lei tra le trincee del bullismo online e l'irrealistica aspettativa di bellezza e successo di Instagram. Spero di essere stato un genitore abbastanza bravo negli anni che ho passato con lei.

Prego di averla aiutata a costruire la sua autostima mentre mi preoccupavo per la sua naturale timidezza.

Temevo che gli altri potessero ridere di lei, che si sarebbe sentita come me, esclusa e sola. Farei qualsiasi cosa per assicurarmi che non abbia mai sofferto quel mio stesso destino. Quei tagli rimangono nascosti nelle stanze segrete della tua anima e contaminano per sempre la visione della tua vita.

La mia preghiera è che mia figlia stia meglio.

La mia preghiera, mentre mi spingo verso la mezza età, è che imparando dai miei errori lei farà meglio.

Qualcuno probabilmente le farà del male un giorno. Questa è solo la vita. Ma a differenza di me, forse lei può trasformare quel dolore in qualcosa di positivo. Forse può trovare il perdono e la comprensione attraverso il dolore.

"L" condannato per un reato violento.

Post correlati

Mostra tutti
bottom of page