top of page

"Furbetti del cartellino": Anche il patteggiamento può giustificare il licenziamento del lavoratore.

a cura della dott.ssa Alessia Ciccarelli.

La Corte di Cassazione, con la sentenza in argomento, ha affermato che la sentenza di applicazione della pena su richiesta delle parti ha efficacia di giudicato quanto all'accertamento del fatto, alla sua illiceità penale e all'affermazione che l'imputato lo ha commesso anche nei giudizi disciplinari a carico dei dipendenti della P.A.

In particolare, la Suprema Corte ha affermato che "nei giudizi disciplinari che si svolgono davanti alle autorità pubbliche, e quindi anche in quelli contro i dipendenti della P.A., a norma degli artt. 445 e 653 c.p.p., come modificati dalla L. n. 97 del 2001, la sentenza di applicazione della pena su richiesta delle parti ha efficacia di giudicato quanto all'accertamento del fatto, alla sua illiceità penale e all'affermazione che l'imputato lo ha commesso; ne consegue che quando la contrattazione collettiva fa riferimento, per la graduazione delle sanzioni disciplinari a carico del pubblico dipendente, alla sussistenza, per i medesimi fatti, di sentenza di condanna penale, quest'ultima, in ragione del disposto del citato art. 653, deve presumersi riguardare anche il caso di sentenza di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'art. 444 c.p.p." (Cass. 31 luglio 2019, n. 20721)".


Scarica la sentenza

Cassazione civile sez. lav., 19_07_2021, (ud. 20_01_2021, dep. 19_07_2021), n.20560
.pdf
Scarica PDF • 239KB

Se ha bisogno di contattare lo Studio, può chiamarci al numero 08119552261 o inviare una mail a info.avvocatodelgiudice@gmail.com.


bottom of page